Casa Azioni e finanziari Il mercato della cannabis sta andando all'inferno?

Il mercato della cannabis sta andando all'inferno?

porta Ties Inc.

2022-05-23-Il mercato della cannabis sta andando all'inferno?

La bolla è esplosa? Le scorte sono diminuite, i fondi si stanno esaurendo e i bilanci sono disordinati. Le risorse gestite dai fondi per la cannabis sono diminuite del 45% in 2,6 mesi. Secondo quanto riferito, hanno perso $ 4,6 miliardi dai $ XNUMX miliardi dell'anno precedente.

Gli investitori incolpano questo su diversi fattori. In primo luogo, ci sono i ripetuti tentativi falliti di approvare la legislazione federale sulla legalizzazione negli Stati Uniti. Ma anche i fondi destinati ai mercati legali della cannabis sono diminuiti. I dati mostrano che 23 fondi dell'ETF hanno perso tra il 12% e il 44,2% in 72 mesi.

Anche gli investitori vedere l'afflusso prosciugarsi. Nei primi tre mesi del 2022, hanno investito 95,6 milioni di dollari in fondi per la cannabis, rispetto agli 1,7 miliardi di dollari dell'anno prima. Tuttavia, l'attività dell'anno scorso ha avuto più a che fare con le nuove quotazioni alla Borsa di Londra. Nei primi cinque mesi del 2021, Oxford Cannabinoid Technologies, Kanabo Group e MGC Pharmaceuticals hanno raddoppiato le dimensioni del mercato della cannabis.

Le azioni sono diminuite drasticamente

Le azioni di questi gruppi, come il resto del settore, sono diminuite del 60% e dell'80%. Gli LP canadesi sono andati leggermente meglio. Aurora Cannabis è scesa del 57%, Canopy Growth è scesa del 74% e Tilray è scesa del 68%.
Alla fine del 2020, i fondi per la cannabis sono aumentati quando i conglomerati dei media hanno dichiarato Joe Biden vincitore delle elezioni presidenziali statunitensi. I fondi sono aumentati ulteriormente poiché gli investitori pensavano che i Democratici avrebbero reso la legalizzazione della marijuana una priorità assoluta. Anche un più facile accesso al settore bancario per le società di cannabis negli Stati Uniti contribuirà a un aumento.

"Tutti lo stanno guardando ora", ha affermato Nawan Butt, manager del Medical Cannabis and Wellness ETF. “Se il SAFE Act viene approvato, le istituzioni finanziarie possono aiutare l'industria. Ciò significa che i partecipanti al settore avranno un migliore accesso ai finanziamenti e un migliore accesso ai servizi finanziari. Inoltre, avremo finalmente investitori in questo mercato che non hanno paura di essere perseguiti secondo le leggi federali per detenzione di azioni di marijuana".

Concorrenza da mercati illegali e maggiori costi per gli imprenditori

Secondo i dati di Morningstar, Global X è l'ETF sulla cannabis con la performance peggiore. Alec Lucas, un analista di ricerca presso Global X, ha accusato i consumatori di acquistare prodotti a base di cannabis a basso costo che spesso provengono da mercati illegali. Ciò ha contribuito a rallentare le vendite in molti stati. "Le aziende canadesi non sono state in grado di aumentare i prezzi per competere con i mercati illegali, con conseguenti entrate deludenti".

Inoltre, i prezzi dell'etanolo sono aumentati del 35%, con un impatto sulle aziende che utilizzano l'etanolo come solvente per i derivati ​​della cannabis. L'aumento dei prezzi del gas mette anche a dura prova i margini per i servizi di consegna di cannabis, compreso il commercio all'ingrosso.

L'aumento dei tassi di interesse minaccia la bolla della cannabis

La bolla della cannabis potrebbe esplodere con l'aumento dei tassi di interesse. Le banche centrali di tutto il mondo stanno cercando di aumentare i tassi di interesse dopo averli tenuti vicini allo zero per più di vent'anni. Molti economisti suggeriscono che questa manipolazione dei tassi di interesse agisca come un controllo innaturale dei prezzi sull'offerta di moneta. Il risultato è un mercato dei capitali che si separa dalla domanda dei consumatori.

In altre parole, i tassi di interesse di mercato normalmente riflettono la domanda dei consumatori e la relativa scarsità di capitale. Una banca centrale che abbassa i tassi di interesse al di sotto del tasso di mercato crea l'illusione di una maggiore prosperità e quindi delle risorse per realizzare progetti a lungo termine. Banche e governi possono incolpare Covid o i russi per le interruzioni della catena di approvvigionamento, ma ci sono prove che la politica monetaria sia il principale colpevole.

I principali produttori di cannabis hanno flussi di cassa negativi e lottano per competere con il mercato illegale e con i piccoli produttori artigianali. Nonostante la loro popolarità nel mondo finanziario, i fondamentali non sono lì per supportare il loro modello di business. I grandi produttori che chiudono le strutture e licenziano i lavoratori rendono ogni giorno più chiaro che la bolla della cannabis è scoppiata.

fonte: cannabislifenetwork.com (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento