Casa farmaci È tempo di una politica sulla droga diversa

È tempo di una politica sulla droga diversa

porta Ties Inc.

2022-06-24-È tempo di una politica sulla droga diversa

Paesi Bassi - dal signor Kaj Hollemans (KH consulenza legale) (colonne Khla).

Il 21 giugno 2022 il La Camera dei Deputati ha votato una mozione dal deputato Joost Sneller (D66). Questa mozione è stata approvata il che significa che il governo è chiamato a indagare su come creare la possibilità di regolamentare la vendita e il possesso di nuove sostanze ad alto rischio in modo più rapido ed efficiente. La mozione è interessante in questo senso, perché chiude un divario tra (non poter) fare nulla e un divieto totale.

Regolamentazione, come la fissazione di un limite di età per la vendita, limiti di volume, un divieto di pubblicità o un'avvertenza sanitaria obbligatoria, contribuiscono a ridurre i danni alla salute delle nuove sostanze ad alto rischio. L'aggiunta di un elenco 0 alla legge sull'oppio per le nuove sostanze ad alto rischio, a cui tali misure si applicheranno, temporaneamente o meno, potrebbe effettivamente essere un'utile aggiunta all'attuale quadro giuridico.

Questa sarebbe stata, ad esempio, una buona soluzione per il protossido di azoto (gas esilarante), che presto entrerà nel campo di applicazione della legge sull'oppio, ad eccezione di alcune applicazioni legali. Ciò rende illegale quasi l'intera produzione, commercio e vendita di gas esilarante. Se la vendita e l'uso del protossido di azoto fossero meglio regolamentati fin dall'inizio, allora la situazione non era sfuggita di mano ei problemi sì

intorno al protossido di azoto è stato più piccolo. Tuttavia, negli ultimi 7 anni, il governo nazionale non ha regolamentato in alcun modo il protossido di azoto, nonostante le richieste del settore a tal fine. Fin dall'inizio, il governo nazionale aveva in mente un solo obiettivo: inserire il protossido di azoto nell'elenco II della legge sull'oppio. La proposta è ora all'esame del Consiglio di Stato per un parere. Anche alla luce delle critiche interrogazioni parlamentari su questa proposta, mi aspetto che il Consiglio di Stato abbia ancora delle riserve sulla proposta o sulla spiegazione e che sia necessario un emendamento o un'aggiunta, ma alla fine verrà inserito nell'elenco il protossido di azoto II della legge sull'oppio. Il divieto dovrebbe entrare in vigore il 1 gennaio 2023.

Raad van State

Il Consiglio di Stato ha anche riserve su un'altra proposta del governo. Il consiglio è l'8 giugno 2022

pubblicato sulla modifica della legge sull'oppio in relazione all'aggiunta di un terzo elenco con l'obiettivo di contrastare la produzione e il commercio di nuove sostanze psicoattive (SNP). Questa proposta è meglio conosciuta come il divieto dei gruppi di sostanze.

Nel suo parere, il Consiglio di Stato rileva che il RIVM ha già condotto nel 2012 una ricerca su richiesta del Ministero della Salute, del Welfare e dello Sport sui vantaggi e gli svantaggi delle varie opzioni per una generica criminalizzazione delle NPS. Il RIVM è quindi giunto alla conclusione che l'introduzione di un sistema generico è sconsigliata.

Secondo il Consiglio di Stato, un divieto generico non si basa sulla comprovata nocività di tutte le sostanze oggetto del divieto. Dopotutto, i rischi per la salute esatti di NPS non sono noti, perché spesso riguarda nuove sostanze. Inoltre, un divieto generico si basa sul principio di precauzione: sono vietati i gruppi di sostanze che, secondo il governo, rappresentano una minaccia non dimostrata per la salute pubblica.

Abbastanza sorprendentemente, il Consiglio di Stato non afferma in questo contesto che il sistema della legge sull'oppio non consente il divieto di determinate sostanze sulla base del principio di precauzione. Dopotutto, il principio di base della legge sull'oppio è che le sostanze possono rientrare nell'ambito di applicazione della legge sull'oppio solo se è stato dimostrato che queste sostanze influenzano la coscienza delle persone e, se utilizzate dalle persone, possono causare danni alla loro salute e danno alla società.

Efficace ed efficace

Il Consiglio di Stato critica il disegno di legge anche su altri punti. La proposta inserisce un gran numero di sostanze nel campo di applicazione della legge sull'oppio. Così facendo, il governo si allontana dal criterio della comprovata nocività per la salute pubblica. Secondo il Consiglio di Stato, un cambiamento così radicale può essere giustificato se si può dimostrare che il cambiamento proposto è efficace ed efficiente. La spiegazione è insufficiente a questo proposito.

Secondo il Consiglio di Stato, per poter valutare il valore aggiunto del disegno di legge, è particolarmente importante che la selezione dei gruppi di sostanze da vietare sia efficiente. Ciò richiede che i gruppi di sostanze non siano troppo grandi. Man mano che i gruppi di sostanze diventano più grandi, sono necessarie più eccezioni ed esenzioni. Dopotutto, non tutte le sostanze che rientrano nei gruppi di sostanze vietate hanno solo usi illegali.

Secondo il Consiglio di Stato, la spiegazione non contiene nemmeno informazioni sul numero di sostanze che dovrebbero rientrare nel divieto, ma che non sono affatto nocive o hanno applicazioni legali. Non è quindi possibile dedurre dalla spiegazione fino a che punto il divieto sui gruppi di sostanze selezionati sarà efficace e in che misura il disegno di legge si tradurrà solo in un aumento limitato del numero di esenzioni.

Fornitura di informazioni

Un divieto su gruppi di sostanze è anche meno facile da spiegare rispetto a un divieto su una sostanza specifica. Dal punto di vista del cittadino, è importante che avvenga una comunicazione chiara su quali sostanze concrete rientrano nel divieto di gruppo di sostanze. La maggior parte dei cittadini non lo saprà, perché richiede conoscenze specialistiche. Affinché il disegno di legge sia efficace è quindi necessario un chiaro processo di comunicazione. Il cittadino dovrebbe essere adeguatamente informato su tutte le sostanze che rientrano nel divieto generico. La spiegazione non affronta questo.

Informare adeguatamente i cittadini su quali sostanze concrete rientrano nel divieto generico rappresenta una sfida significativa per il governo. È difficile concretizzarlo, proprio perché il divieto dei gruppi di sostanze riguarda potenzialmente molte sostanze diverse. Tutte queste sostanze saranno presto bandite. Senza rendersene conto, tu come cittadino puoi affrontare sanzioni severe o una condanna. Questo è un punto molto giustificato del Consiglio di Stato, perché deve essere chiaro a un cittadino cosa è esattamente punibile nella legge sull'oppio. Questo vale certamente per le alte minacce criminali.

Rapporto RIVM

Nel 2012 RIVM ha pubblicato una relazione sui vantaggi e gli svantaggi dell'introduzione di varie forme di divieto generico di NPS. All'epoca, ciò ha portato alla conclusione che una criminalizzazione generica di tutte le NPS non è fattibile, perché di conseguenza centinaia di connessioni sarebbero state bandite. Non vi è alcuna indicazione nella spiegazione di come RIVM sia stato coinvolto nella preparazione di questa proposta. Ciò solleva, secondo il Consiglio di Stato, la questione di fino a che punto gli svantaggi di un divieto generico menzionati all'epoca nella relazione del RIVM non sarebbero più validi.

Vista la rilevanza della relazione del RIVM rispetto al disegno di legge, il Consiglio di Stato consiglia di esaminare più dettagliatamente gli svantaggi descritti dal RIVM e di giustificare il motivo per cui questo dovrebbe ora essere considerato in modo diverso. La Divisione raccomanda inoltre di indicare le ragioni nella spiegazione per cui RIVM non è stato invitato a fornire nuovamente un parere sull'opportunità di criminalizzare i tre gruppi di sostanze proposti.

Il rapporto RIVM descrive un totale di 9 svantaggi. Sospetto che il governo non abbia deliberatamente risposto a questo rapporto. Sulla base di questa relazione del RIVM, la proposta non ha possibilità di successo. Il governo ne è stato informato da più parti nel 2020 durante la consultazione ma ha deciso di non fare nulla al riguardo. Viene da chiedersi fino a che punto il governo abbia preso sul serio le critiche a questa proposta da parte della società e del mondo accademico. È positivo che il Consiglio di Stato lo abbia preso atto e ne richiami l'attenzione.

Libero traffico di merci

Il Consiglio di Stato ha critiche anche su un altro punto. Il disegno di legge è una restrizione alla libera circolazione delle merci. Tale restrizione deve essere giustificata. La spiegazione fa riferimento a due motivi di giustificazione: tutela della salute pubblica e tutela dell'ordine pubblico. Entrambi i motivi di giustificazione non sono sufficientemente motivati, secondo il Consiglio di Stato.

Per giustificare la restrizione alla libera circolazione delle merci, la spiegazione si riferisce principalmente alla tutela della salute pubblica. Va notato che non è certo che tutte le sostanze nei gruppi di sostanze vietate siano effettivamente dannose per la salute. In base al principio di precauzione, però, secondo il governo, sarebbe giustificato vietare le sostanze purché non sia chiaro se siano dannose per la salute.

Il Consiglio di Stato giustamente rileva che il principio di precauzione richiede quanto meno che sia probabile un reale danno alla salute delle persone. Tuttavia, la relazione esplicativa non riporta alcun dato scientifico per giustificare la nocività delle sostanze che rientrano nei gruppi di sostanze proposti. I rischi per la salute precisi di queste nuove sostanze non sono stati ancora mappati, secondo la spiegazione.

Il Consiglio di Stato raccomanda un'ulteriore motivazione che il disegno di legge è necessario per tutelare la salute pubblica, esaminando la plausibilità che i gruppi di sostanze vietate rappresentino un rischio reale per la salute pubblica e modificando il disegno di legge se necessario.

In secondo luogo, la spiegazione si riferisce alla tutela dell'ordine pubblico nei Paesi Bassi. Il disegno di legge sarebbe idoneo a tutelare questo interesse, perché la Procura della Repubblica avrà la possibilità di perseguire le persone che agiscono in violazione del disegno di legge. Il disegno di legge combatte così la criminalità organizzata, che può avere un effetto dirompente sulla società olandese.

Oltre al fatto che si tratta di un ragionamento circolare (del resto non si tratta di reato, perché tali sostanze non rientrano ancora nella legge sull'oppio), un ricorso alla tutela dell'ordine pubblico non è accolto con leggerezza nella giurisprudenza. Ci deve essere una "minaccia genuina e sufficientemente seria che lede un interesse fondamentale della società". Secondo il Consiglio di Stato, la motivazione di tale criterio è ancora una volta inadeguata.

Non è affatto certo che il coinvolgimento di organizzazioni criminali in determinati beni o servizi debba sempre portare a vietare tali beni o servizi. Secondo il Consiglio di Stato, la spiegazione deve ulteriormente motivare la necessità, nel caso di specie, di tutelare l'ordine pubblico mediante il divieto proposto.

Segnali

Condivido ampiamente il parere del Consiglio di Stato. La proposta non è ben motivata sotto diversi aspetti e il governo non ha fatto quasi nulla con il contributo dei vari soggetti durante la consultazione.

Questa settimana la polizia ha sostenuto per il regolare il mercato della droga durante un incontro di Leap Europe ed è apparso un report dell'indipendente think tank Thinking proponendo di regolamentare l'offerta interna di cannabis ed ecstasy. Ciò aumenta la credibilità e l'efficacia della politica sulle droghe. Non tutti i farmaci richiedono lo stesso approccio.

Regolamentando l'erba e l'ecstasy si possono sottrarre centinaia di milioni di euro all'anno ai criminali, secondo il rapporto, e si possono contrastare gli effetti della criminalità legata alla droga: discariche in natura, giovani che lasciano la scuola per spacciare droga . Inoltre, i consumatori di ecstasy entrano meno in contatto con gli spacciatori e hanno meno probabilità di entrare in contatto con altre sostanze più dannose, come speed, GHB e crystal meth.

Anche la proposta di aggiungere una lista 0 alla legge sull'oppio va in questa direzione. Il regolamento, in cui il governo stabilisce regole rigorose per la produzione, distribuzione e vendita di determinate sostanze, è un'alternativa migliore di un divieto totale. Questa sarebbe anche una manna dal cielo per NPS.

Nel Regno Unito, l'introduzione di un divieto di gruppo di sostanze ha portato a un aumento del consumo di droghe. Due anni dopo l'introduzione del divieto, il tasso di mortalità dovuto all'uso di MDMA, cocaina e oppiacei impuri ha raggiunto un nuovo record. Da un "Review of the Psychoactive Substances Act 2016” di novembre 2018 mostra che l'aumento di NPS nel Regno Unito non è diminuito dopo l'introduzione della legge sulle sostanze psicoattive e che i commercianti ambulanti hanno in gran parte rilevato la distribuzione di nuove sostanze psicoattive.

Lo stesso ministero dell'Interno ha ammesso che gli obiettivi di “riduzione del danno” non sono stati raggiunti. Se questo è il risultato del divieto dei gruppi di sostanze proposto dal governo, allora mi chiedo quale sia la motivazione alla base di questa proposta.

È ora di una politica sulla droga diversa

È tempo che i politici dell'Aia prendano sul serio questi consigli e segnali e inizino a pensare a un approccio diverso al problema della droga, in cui il governo controlla e regola il mercato, invece di lasciarlo a criminali spietati. È tempo che i governi prendano sul serio la protezione della salute degli utenti, piuttosto che far sentire le persone in colpa per mascherare il fallimento delle politiche attuali. In breve, è tempo di una diversa politica sulle droghe.

Articoli correlati

Lascia un Commento