Vai al contenuto principale
Menu
23 benefici per la salute della marijuana che potresti non aver conosciuto

23 benefici per la salute della marijuana che potresti non aver conosciuto

Diffondi l'amore ✌🏼

Prima di iniziare, torniamo all'anno 2737 a.C. Da allora è stato studiato che il primo riferimento diretto in Cina fu trovato negli scritti dell'imperatore cinese Shen Nung durante quel periodo. Il primo uso del prodotto di cannabis è stato usato per sostanze psicoattive.

Gli scritti hanno enfatizzato la sua forza come medicina per reumatismi, gotta, malaria e abbastanza divertente, per distrazioni. L'importanza del valore medicinale si concentrava principalmente sulle proprietà inebrianti.

A poco a poco, l'uso si diffuse dalla Cina all'India, quindi al Nord Africa, raggiungendo l'Europa già nel 500 d.C. La marijuana è stata elencata nella farmacopea degli Stati Uniti dal 1850 al 1942. È stato prescritto per una varietà di usi medici come dolore al parto, nausea e reumatismi.

Uso medico

Dal 1850 al 1930, la cannabis iniziò a diventare famosa per scopi ricreativi. Man mano che l'assunzione di droghe aumentava nel tempo, il Controlled Substances Act del 1970 lo classificava come farmaco programmato 1 negli Stati Uniti. Quindi, naturalmente, sono sorte controversie sull'uso medico della marijuana.

Per renderlo più amichevole dal punto di vista medico, è diventato il principio attivo THC sintetizzato nel 1966 e infine approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti nel 1985.

Uno studio dell'Institute of Medicine sponsorizzato dagli Stati Uniti nel 1999 ha scoperto le proprietà benefiche della marijuana in determinate condizioni mediche come la nausea causata dalla chemioterapia e il vomito causati dall'AIDS. Dal 1999 sono stati condotti numerosi studi per dimostrare che fumare marijuana ha effetti di riduzione del dolore.

Nel 1996, la California è diventata il primo stato a legalizzare l'uso della marijuana per scopi medici e circa 24 degli Stati in America hanno ora un certo tipo di leggi sulla marijuana medica.

Benefici medici della marijuana

Sarai sorpreso di sapere perché sono stati fatti studi su questa erba e, per il tuo interesse, ecco l'elenco di 20 benefici medici della marijuana che probabilmente non li conoscevi tutti!

1. Rallenta e ferma la diffusione delle cellule tumorali

Lo studio, pubblicato sulla rivista Molecular Cancer Therapeutics, lo ha scoperto cannabidiolo ha la capacità di fermare il cancro disattivando un gene chiamato Id-1. Nel 2007, i ricercatori del California Pacific Medical Center di San Francisco lo hanno riferito CBD può prevenire la diffusione del cancro. I ricercatori hanno sperimentato cellule di cancro al seno in laboratorio con un alto contenuto di Id-1 e le hanno trattate con cannabidiolo.

Il risultato è stato abbastanza positivo, le cellule avevano ridotto l'espressione Id-1 ed erano propagatori meno aggressivi. In effetti, l'American Association for Cancer Research ha scoperto che la marijuana rallenta in modo significativo la crescita tumorale nel cervello, nel torace e nei polmoni.

2. Trattare il glaucoma

La marijuana può essere usata per trattare il glaucoma. Il glaucoma aumenta la pressione nel bulbo oculare, danneggia il nervo ottico e causa la perdita della vista. Secondo il National Eye Institute, la marijuana riduce la pressione oculare.

"Studi nei primi anni 'XNUMX hanno dimostrato che la marijuana quando si fuma riduceva la pressione intraoculare (IOP) nelle persone con pressione normale e nelle persone con glaucoma."

Questi effetti del farmaco possono prevenire la cecità.

3. Allevia l'artrite

Nel 2011, i ricercatori hanno riferito che la cannabis riduce il dolore e l'infiammazione e favorisce il sonno, il che può aiutare ad alleviare il dolore e il disagio nelle persone con artrite reumatoide.

I ricercatori dei dipartimenti di reumatologia di diversi ospedali hanno dato ai loro pazienti Sativex, uno cannabinoidi farmaco analgesico a base. Dopo due settimane, i pazienti trattati con Sativex hanno avuto una significativa riduzione del dolore e una migliore qualità del sonno rispetto agli utenti placebo.

4. Controllare il sequestro epilettico

Uno studio del 2003 ha dimostrato che l'uso di marijuana può controllare le convulsioni.

Robert J. DeLorenzo, della Virginia Commonwealth University, ha dato estratto di marijuana e marijuana sintetica ai ratti epilettici. I farmaci hanno fermato le convulsioni in circa 10 ore.

È stato scoperto che il THC controlla gli attacchi legando le cellule cerebrali responsabili del controllo dell'irritabilità e della regolazione del rilassamento. I risultati sono stati pubblicati nel Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics.

5. Prevenire l'Alzheimer

Il THC, il principio attivo della marijuana, rallenta la progressione della malattia di Alzheimer, secondo uno studio del 2006 condotto da Kim Janda dello Scripps Research Institute. Il THC rallenta la formazione di placche amiloidi bloccando l'enzima nel cervello che le rende. Queste placche uccidono le cellule cerebrali e probabilmente portano alla malattia di Alzheimer.

6. Lenisce le vibrazioni per le persone con malattia di Parkinson

Recenti studi condotti da Israele mostrano che fumare marijuana riduce notevolmente il dolore e i tremori e migliora il sonno per i pazienti con malattia di Parkinson. Ciò che è stato impressionante dello studio è stato il miglioramento delle capacità motorie nei pazienti.

Israele ha reso legale la marijuana medica e si stanno facendo molte ricerche sull'uso medico della cannabis, supportato dal governo israeliano.

7. Allevia il dolore della sclerosi multipla

La marijuana lavora per fermare gli effetti neurologici negativi e gli spasmi muscolari causati dalla sclerosi multipla. Uno studio pubblicato nella Canadian Medical Association suggerisce che la marijuana può alleviare i sintomi dolorosi della sclerosi multipla.

Jody Cory Bloom ha esaminato 30 pazienti con sclerosi multipla con contrazioni dolorose nei muscoli. Questi pazienti non hanno risposto ad altri farmaci, ma dopo aver fumato marijuana per alcuni giorni, hanno riferito di provare meno dolore. Il THC nell'erbaccia lega i recettori dei nervi e dei muscoli per alleviare il dolore.

8. Ridurre i sintomi della sindrome di Dravet

La sindrome di Dravet provoca convulsioni e gravi ritardi nello sviluppo. Dr. Sanjay Gupta, rinomato capo medico corrispondente della CNN, ha curato una bambina di cinque anni, Charlotte Figi, con sindrome di Dravet, con varietà di marijuana medicinale ad alto contenuto di cannabidiolo e basso contenuto di THC.

Durante le indagini per il suo documentario "WEED", Gupta ha intervistato la famiglia Figi e, secondo il film, la droga ha ridotto i suoi attacchi da 300 a settimana a uno solo ogni sette giorni. Quaranta altri bambini usano la stessa medicina e anche questo li ha aiutati.

I medici che raccomandano questo farmaco affermano che il cannabidiolo nella pianta interagisce con le cellule cerebrali per soddisfare le attività eccessive nel cervello che causano gli attacchi.

9. Aiuto per la malattia di Crohn

La cannabis può essere utile per curare la malattia di Crohn. La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria intestinale che provoca dolore, vomito, diarrea, perdita di peso e altro.

Ma un recente studio condotto in Israele ha scoperto che fumare un'articolazione riduce significativamente i sintomi della malattia di Crohn in 10 su 11 pazienti, causando la completa cessazione della malattia in cinque di questi pazienti.

Questo è ovviamente un piccolo studio, ma altri studi hanno prodotto risultati simili. I cannabinoidi della cannabis sembrano aiutare l'intestino a controllare i batteri e la funzione intestinale.

10. Ridurre l'ansia

Nel 2010, i ricercatori dell'Università di Harvard hanno suggerito che uno dei benefici dei farmaci potrebbe essere la riduzione dell'ansia, che migliorerebbe l'umore del fumatore e fungerebbe da sedativo a basse dosi.

Tuttavia, fai attenzione con dosi più elevate in quanto possono aumentare l'ansia e renderti più paranoico.

11. Aiuta a contrastare gli effetti cancerogeni del tabacco e migliora la salute polmonare

Nel gennaio 2012, uno studio pubblicato sul Journal of American Medical Association ha scoperto che la marijuana ha migliorato le funzioni polmonari e persino aumentato la capacità polmonare. I ricercatori alla ricerca di fattori di rischio per le malattie cardiache, testati su 5.115 giovani adulti per un periodo di 20 anni, hanno scoperto che solo gli utenti di erbe infestanti hanno mostrato un aumento della capacità polmonare, rispetto ai fumatori di tabacco che hanno effettivamente perso la loro funzionalità polmonare nel tempo.

Si ritiene che l'aumento della capacità polmonare sia dovuto ai respiri profondi effettuati durante inalatoree dalla cannabis, non una sostanza chimica terapeutica nelle droghe.

12. Ridurre gli effetti collaterali del trattamento dell'epatite C e aumentare l'efficacia del trattamento

Il trattamento dell'infezione da epatite C ha gravi effetti collaterali, così gravi che molte persone non possono continuare il trattamento. Gli effetti collaterali variano da affaticamento, nausea, dolori muscolari, perdita di appetito e depressione - a volte durano mesi.

Ma la cannabis può salvarti:

Uno studio del 2006 sull'European Journal of Gastroenterology and Hepatology ha scoperto che l'86% dei pazienti che usano la marijuana ha completato con successo le proprie terapie, mentre solo il 29% dei non fumatori ha completato i propri trattamenti, forse perché la marijuana ha avuto gli effetti collaterali di questi trattamenti. L'epatite C aiuta a ridurre.

La cannabis aiuta anche a migliorare l'efficacia del trattamento. Il 54% dei pazienti con Hep C che fumano marijuana ha bassi livelli virali e li ha tenuti bassi, rispetto solo all'8% dei non fumatori.

13. Migliora i sintomi del lupus, una malattia autoimmune.

La marijuana medica è usata per curare la malattia autoimmune chiamata Lupus eritematoso sistemico, che è quando il corpo inizia ad attaccarsi per ragioni sconosciute.

Si ritiene che alcuni dei composti chimici contenuti nella cannabis siano responsabili del calmare il sistema immunitario, che potrebbe essere la ragione per aiutare a trattare i sintomi del lupus. Il resto dell'impatto positivo della marijuana deriva probabilmente dagli effetti del dolore e della nausea.

14. Proteggi il cervello dopo un ictus.

La ricerca (condotta su ratti, topi e scimmie) presso l'Università di Nottingham mostra che la cannabis può aiutare a proteggere il cervello dai danni causati dall'ictus riducendo le dimensioni dell'ictus.

Questo non è l'unico studio per mostrare gli effetti neuroprotettivi della cannabis. Alcune ricerche mostrano che la pianta può aiutare a proteggere il cervello dopo altri eventi traumatici come le commozioni cerebrali.

15. Ridurre il forte dolore e la nausea dovuti alla chemio e stimolare l'appetito

Uno degli usi più comuni della marijuana medica è per le persone sottoposte a chemioterapia. I malati di cancro sottoposti a chemioterapia soffrono di forti dolori, nausea dolorosa, vomito e perdita di appetito. Questo può portare a ulteriori complicazioni di salute.

La marijuana può aiutare a ridurre questi effetti collaterali, ridurre il dolore, ridurre la nausea e stimolare l'appetito. Esistono anche altri farmaci cannabinoidi approvati dalla FDA (in America) che usano il THC per gli stessi scopi.

16. Tratta la malattia infiammatoria intestinale

Come la malattia di Crohn, i pazienti con altre condizioni infiammatorie intestinali come la colite ulcerosa possono trarre beneficio dall'uso di marijuana, studi suggeriscono.

Nel 2010, i ricercatori dell'Università di Nottingham hanno scoperto che i composti chimici nella marijuana, inclusi THC e cannabidiolo, interagiscono con le cellule del corpo che svolgono ruoli importanti nella funzione intestinale e nel sistema immunitario.

I composti simili al THC prodotti dall'organismo aumentano la permeabilità dell'intestino, permettendo ai batteri di entrare. I cannabinoidi di origine vegetale contenuti nella marijuana bloccano questi cannabinoidi corporei, ne fermano la permeabilità e rafforzano la banda intestinale.

17. Aiuta i veterani che soffrono di PTSD

La marijuana è approvata per il trattamento del PTSD in alcuni stati d'America. Nel New Mexico, il PTSD è la ragione principale per cui le persone ottengono una licenza di marijuana medica, ma questa è la prima volta che il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti approva una proposta che include marijuana affumicata o vaporizzata.

I cannabinoidi presenti in natura, simili al THC, aiutano a controllare il sistema che provoca ansia e nervosismo nel corpo e nel cervello.

18. Gestisci altri tipi di spasmi muscolari

Altri tipi di spasmi muscolari rispondono anche alla marijuana.

Il paziente del dott. Gupta, Chaz, ha una condizione chiamata flutter diaframmatico mioclono (noto anche come malattia di Leeuwenhoek). Ciò provoca spasmi non-stop nei muscoli addominali che non sono solo dolorosi ma interferiscono anche con la respirazione e il parlare.

Chaz ha usato la marijuana medica per curare questa malattia perché altri medicinali molto potenti non sono stati in grado di trattarlo correttamente.

Fumare marijuana è in grado di calmare gli attacchi quasi immediatamente, il che rilassa anche le mucose del diaframma.

19. Proteggi il cervello da commozione cerebrale e traumi

Un recente studio sulla rivista Cerebral Cortex ha dimostrato che la marijuana può aiutare a guarire il cervello dopo una commozione cerebrale o altre lesioni traumatiche.

Lo studio ha indicato che gli esperimenti sono stati condotti su topi e che la marijuana ha ridotto i lividi nel cervello e ha aiutato i meccanismi di guarigione dopo lesioni traumatiche.

Lester Grinspoon, professore emerito di psichiatria e avvocato della marijuana ad Harvard, ha recentemente scritto una lettera aperta al commissario della NFL Roger Goodall dicendo che la NFL dovrebbe smettere di testare i giocatori per la marijuana e invece raccogliere fondi per la ricerca sulla capacità della pianta di marijuana di proteggere il cervello. Nella lettera aperta scrive:

"Molti medici e ricercatori credono già che la marijuana abbia proprietà neuroprotettive incredibilmente potenti, un concetto basato su dati sia di laboratorio che clinici."

Goodall ha recentemente affermato che prenderebbe in considerazione la possibilità di consentire agli atleti di utilizzare la marijuana se la ricerca medica dimostra che è un neuroprotettivo efficace.

20. Aiuta ad eliminare gli incubi

Questo è un po '"complicato" perché ha effetti sia positivi che negativi. La marijuana può interrompere il ciclo del sonno interrompendo le fasi successive del sonno REM.

Tuttavia, le persone che soffrono di gravi incubi, specialmente nei pazienti con PTSD, possono trarne beneficio. Incubi e altri sogni si verificano durante quelle stesse fasi del sonno.

La sospensione del sonno REM può impedire che molti di questi sogni si verifichino. Gli studi con un cannabinoide sintetico, come il THC, hanno mostrato una diminuzione del numero di incubi nei pazienti con PTSD.

La marijuana può essere un aiuto per il sonno migliore rispetto ad altri farmaci o addirittura all'alcol, poiché gli ultimi due possono avere effetti peggiori sul sonno, anche se sono necessarie ulteriori ricerche su questo argomento.

21. Ti aiuta a perdere peso

Se ti guardi intorno, noterai che l'utilizzatore entusiasta della cannabis di solito non è in sovrappeso. Questo perché la cannabis è stata collegata per aiutare il corpo a regolare l'insulina, gestendo in modo efficiente l'apporto calorico.

22. Mostra promessa nel trattamento dell'autismo

La cannabis è stata conosciuta per calmare gli utenti e controllare il loro umore. Può aiutare i bambini con autismo a confrontarsi regolarmente con sbalzi d'umore (violenti).

23. Aiuta con l'alcolismo

Un altro dei molti benefici per la salute della cannabis è che la cannabis è senza dubbio molto più sicura dell'alcol. Anche se potrebbe non essere sicuro al 100%, può essere un modo più intelligente per frenare l'alcolismo sostituendolo con la cannabis.

In conclusione

Questo elenco di oltre 20 benefici medici della marijuana sono tra i numerosi benefici che questa pianta ha. È ancora un mistero come la marijuana medica non sia ancora legale nella maggior parte del mondo e spesso abbia ancora una reputazione così negativa.

Spero che, nel prossimo futuro, la scienza medica continuerà a dimostrare i suoi benefici in più aree e rendere questa pianta un rimedio famoso per tutti i principali tipi di condizioni.

NOTA BENE:
Nel caso in cui stai pensando di utilizzare la cannabis e non hai ancora esperienza con essa o hai già dei farmaci, ovviamente consulta sempre prima il medico. Questo articolo si basa esclusivamente sui benefici medici della marijuana per coloro che hanno una prescrizione medica valida. Sottolineiamo solo gli aspetti positivi, basati su ricerche e prove scientifiche.

Fonti tra cui Health Europe (EN), Lifehack (EN)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Torna in alto