Casa la Cannabis I caffè di cannabis olandesi vedono una maggiore crescita del fatturato a causa della pandemia di COVID-19

I caffè di cannabis olandesi vedono una maggiore crescita del fatturato a causa della pandemia di COVID-19

porta drugsinc

I caffè di cannabis olandesi vedono una maggiore crescita del fatturato a causa della pandemia di COVID-19

Mentre ristoranti, bar e pub nei Paesi Bassi sono stati ripetutamente soggetti a rigide misure di blocco, i caffè di cannabis hanno registrato un aumento delle entrate dall'inizio della pandemia.

Il primo blocco imposto dal governo nei Paesi Bassi ha provocato un "panico da erba", con lunghe file per le caffetterie o i caffè di cannabis.

Nonostante le restrizioni agli incontri pubblici e ai viaggi, i negozi sono stati in grado di raggiungere o in alcuni casi aumentare il proprio fatturato quando non sono stati sotto pressione, ad esempio, dal sindaco di Amsterdam.

Inoltre, è stato anche riferito che le caffetterie a L'Aia, dove ha sede il parlamento olandese, stanno andando bene.

Questo è quasi solo perché, mentre altri nel settore dell'ospitalità avevano una sorta di restrizione, le caffetterie erano in grado di rimanere aperte e offrire i loro prodotti sotto il banner dell'asporto.

Uno studio pubblicato di recente ha rilevato che il 90% dei consumatori olandesi di cannabis ha fumato la stessa quantità o più dall'inizio della pandemia e che tre quarti fumano ogni giorno.

In un paese in cui l'uso ricreativo della cannabis è stato adottato nella cultura per decenni, non dovrebbe sorprendere che l'industria sia riuscita a prosperare.

I caffè a base di cannabis stanno fiorendo durante la pandemia di coronavirus

Lo storico dell'uso di droghe Stephen Snelders suggerisce che le persone avevano una buona ragione per prendere una canna: volevano trovare un modo per affrontare la paura esacerbata dalla pandemia. Egli ha detto: “Quindi non si tratta di persone che vogliono sballarsi, scappare. È più un modo per affrontare l'ansia di tutti i giorni".

Mentre le caffetterie in alcune delle principali città olandesi fanno parte del paesaggio urbano, Amsterdam potrebbe essere la prima a vietare ai turisti stranieri di accedere ai luoghi. Rapporti recenti suggeriscono che la misura potrebbe essere introdotta per liberare le strade dal "turismo di massa ea basso budget".

Possibile divieto di Amsterdam sui coffee shop

De Amsterdam Il sindaco Femke Halsema ha affermato:

“Amsterdam è una città internazionale e vogliamo attirare turisti, ma vogliamo che vengano per la sua ricchezza, bellezza e istituzioni culturali. Le caffetterie, soprattutto in centro, funzionano in gran parte con i turisti. Con l'aumento del turismo, la domanda è solo aumentata e la criminalità legata alle droghe pesanti è aumentata".

Il piano ha suscitato scalpore tra gli imprenditori, che affermano di soffrire già del calo del numero di turisti che visitano la città a causa delle misure pandemiche.

Un dipendente di Barney's Coffee Shop detto qualche settimana fa:

“Sicuramente è stato un anno tranquillo. Ovviamente è meglio rispetto all'estate scorsa con il coronavirus, ma quest'anno ha iniziato a darsi da fare, ma non è ancora niente rispetto agli anni prima. Sono venuti solo turisti principalmente francesi e tedeschi, non più molti inglesi o italiani”.

Fonti tra cui Canex (EN), CNNBS (NL), EuroNews (EN), Argomenti principali (EN), PhomPenhPost (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento