Casa CBD Il CBD può trattare le convulsioni sia negli esseri umani che nei cani

Il CBD può trattare le convulsioni sia negli esseri umani che nei cani

porta Ties Inc.

2022-06-13-CBD potrebbe trattare le convulsioni sia negli esseri umani che nei cani

Uno studio ha rilevato che il 90 percento dei cani a cui è stato somministrato olio di CBD ha avuto convulsioni meno frequenti. Non sono solo le persone che possono beneficiare delle proprietà positive del CBD. Ricerche recenti suggeriscono che i cannabinoidi possono anche essere efficaci nel ridurre la frequenza delle convulsioni nei cani. Anche se è stato un test molto piccolo.

CBD contro medicine tradizionali

L'epilessia idiopatica canina, che si verifica senza una causa nota, colpisce fino al 6% della popolazione canina in tutto il mondo, rendendola il disturbo neurologico più comune nei cani. Questa condizione è molto più comune nei cani di razza rispetto ai cani di razza mista e colpisce più spesso i maschi rispetto alle femmine.

Come negli esseri umani, le convulsioni nei cani si manifestano con movimenti di irrigidimento e sussulti, insieme alla perdita di coscienza. Tra un attacco e l'altro, il cane è neurologicamente del tutto normale. Solitamente farmaci come il fenobarbital e il bromuro di potassio sono usati per trattare i cani epilettici, con un effetto di circa il 60-70%. Tuttavia, molti cani continuano a non rispondere bene al trattamento. Di conseguenza, i proprietari di cani spesso considerano l'eutanasia a causa della scarsa qualità della vita del loro cane.

Riduzione delle crisi epilettiche

I ricercatori guidati dal Dott. Stephanie McGrath della Colorado State University ha voluto esplorare alternative ai trattamenti convenzionali. Ispirati da una promettente ricerca sulle persone con epilessia trattate con CBD, i ricercatori hanno intrapreso un piccolo studio su 16 cani con epilessia.

I cani sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di trattamento o placebo, con quelli del primo gruppo che hanno ricevuto olio di CBD per 12 settimane. Tutti i cani dovevano essere sullo standard antiepilettici compreso il fenobarbital e il bromuro di potassio, poiché non sarebbe stato etico sospendere il trattamento. Gli stessi proprietari di cani non sapevano se i loro cani stavano ricevendo CBD o un placebo.

Secondo i risultati, circa il 90% dei cani trattati con CBD ha subito una riduzione della frequenza delle crisi, i ricercatori hanno riferito sul Journal of American Veterinary Medical Association. Il grado di riduzione delle crisi era legato alla concentrazione di CBD nel sangue dei cani.

"Abbiamo visto una correlazione tra quanto erano alti i livelli di CBD in questi cani e quanto fosse grande la riduzione delle convulsioni", ha detto McGrath in una nota. Ma nonostante i risultati promettenti, McGrath è cauto perché la dimensione del campione dello studio è così piccola. Ha in programma di fare più ricerche con molti più cani e spera che il CBD possa essere dimostrato come una buona alternativa agli anticonvulsivanti.

Naturalmente, sono necessarie ulteriori ricerche, ma fino ad allora potrebbe valere la pena usare il CBD per il trattamento. È intelligente farlo sempre con un trattamento standard fino a quando non si saprà di più su come funziona il CBD. McGrath: “Vedo molti proprietari i cui cani hanno l'epilessia. È una malattia straziante e spesso molto traumatica”.

Fonte: zmescience.com (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento