Casa la Cannabis Il ministero thailandese vuole la cannabis nella lista del patrimonio dell'UNESCO

Il ministero thailandese vuole la cannabis nella lista del patrimonio dell'UNESCO

porta Ties Inc.

2021-12-24-Il ministero thailandese vuole la cannabis nella lista del patrimonio dell'UNESCO

Il Ministero della Cultura thailandese intende inserire la cannabis thailandese nella lista UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale. Il ministero afferma che la cannabis è usata come spezia e parte della cultura in tutte le regioni del paese.

Il vicedirettore generale del dipartimento di medicina tradizionale e alternativa thailandese spiega la strategia del governo per attirare l'attenzione globale sull'emergente industria della cannabis in Thailandia.

Cannabis Unesco

Il primo passo da aggiungere all'elenco dell'UNESCO è la registrazione di un "patrimonio nazionale della saggezza" della Thailandia. Ciò significherebbe che ci sono trenta specie canapa dalla Thailandia vengono raccolti e registrati, cosa che il Ministero della Cultura prevede di fare entro marzo 2022. Dopodiché, sarà aperta la strada alla Thailandia per richiedere di essere aggiunta al patrimonio culturale immateriale dell'UNESCO entro il 2023.
Il piano potrebbe essere stato ispirato dal successo della Thailandia nel 2019, quando il Ministero della Cultura ha collaborato con il Ministero della Salute per presentare una petizione all'UNESCO per l'inclusione del massaggio thailandese nell'elenco del patrimonio culturale immateriale. Le espressioni culturali vissute dalle comunità come patrimonio danno un senso di identità e continuità.

Patrimonio mondiale

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura, l'UNESCO, è un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite la cui missione è contribuire alla costruzione della pace, alla riduzione della povertà, allo sviluppo sostenibile e al dialogo interculturale attraverso l'istruzione, la scienza, la cultura e la comunicazione. Mantengono anche un elenco di siti del patrimonio mondiale.

Lees più op thetaiger.com (Fonte, EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento