Vai al contenuto principale
Menu
La fibra di canapa industriale è migliore del legno sotto ogni aspetto

La fibra di canapa industriale è migliore del legno sotto ogni aspetto

Diffondi l'amore ✌🏼

La canapa è sempre stata una risorsa naturale migliore degli alberi. La verità è che, poiché la canapa non era legale nella maggior parte del mondo negli ultimi 80 anni, non ha mai avuto la possibilità di competere su un piano di parità con il legno o altre fibre naturali. E la fibra di canapa industriale?

Gli esperti nella lavorazione e ottimizzazione del legno si sono molto interessati alla canapa. Trovare una soluzione automatizzata brevettata con la quale una fibra di canapa economica e di alta qualità possa diventare la base è un passo successivo desiderabile.

In termini di qualità e prestazioni, la fibra di canapa si distingue come probabilmente la fibra più forte e durevole in natura. canapa non è solo 10 volte più resistente della fibra di legno, ma anche quattro volte più resistente del cotone.

La canapa industriale è più leggera ed economica da lavorare rispetto al legno. Un ettaro di canapa piantato per 40 anni contiene il 400% in più di fibra utilizzabile rispetto a un ettaro di alberi durante il loro ciclo di vita di 40 anni. La canapa è la risorsa di biomassa più efficiente al mondo. In meno di 91 giorni, la pianta può generare il fusto nella fase in cui le fibre hanno raggiunto il loro pieno contenuto di CO2 e sono pronte per essere adeguatamente lavorate.

Sempre più pubblicazioni scientifiche stanno sottolineando le altre importanti proprietà della canapa: elevate proprietà di assorbimento, protezione contro le radiazioni IR e UV e naturalmente bassa infiammabilità. Ulteriori nuovi test promettenti indicano anche le proprietà antibatteriche naturali delle fibre di canapa, che si ritiene siano il risultato degli alcaloidi, cannabinoidi e altri composti bioattivi o fenolici.

Canapa industriale amica del pianeta

La canapa offre anche un'opportunità di investimento interessante per le aziende che cercano un modo efficace per rendere i loro prodotti completamente "privi di carbonio", in altre parole, abbassare il loro profilo di emissioni di carbonio. Grazie alla sua forte capacità di stoccaggio del carbonio basata sull'elevato contenuto di biomassa e sul basso livello di acqua richiesto, la canapa è probabilmente la fibra più sostenibile di tutte.

Le piante di canapa hanno una capacità di assorbimento e di contenimento eccezionalmente elevate Co2, che è molto più alto che con gli alberi. Secondo diversi articoli scientifici, un ettaro di una varietà di canapa comune può assorbire 8,88 tonnellate di CO2 all'anno, mentre un ettaro di foresta cattura circa 2,5 tonnellate, circa il 30% di quella cifra.

Ma aspetta, c'è di più. La ricerca ha dimostrato che le varietà di canapa coltivate per la fibra generalmente producono fino a cinque volte la biomassa del gambo del `` seme '' rimanente - fino a 42 tonnellate - e che lo spostamento di CO2 quando la canapa viene sostituita con materie prime tradizionali, in prodotti finali come la plastica , i tessuti, l'acciaio, l'edilizia e altri materiali potrebbero ridurre le emissioni di CO2 fino a 200 tonnellate!

Sebbene la vita vegetale produca ossigeno nell'atmosfera attraverso la fotosintesi, questo processo naturale diminuisce con l'invecchiamento delle piante. Sembra logico che alberi di grandi dimensioni con una superficie fogliare significativa genererebbero più ossigeno, soprattutto perché vivono molto più a lungo di una pianta di canapa, ma questo non è vero comunque. Mentre la capacità di alberi più vecchi e più grandi di produrre ossigeno diminuisce, la canapa, d'altra parte, è una grande pianta a crescita rapida che viene raccolta dopo sole 12 settimane. Ben prima che possa essere “invecchiato”, l'impianto pompa il pieno gas con l'ossigeno. Questo è l'ideale per l'agricoltura condivisa.

Veramente rinnovabile

Dato che meno del 5% della giungla rimane, diciamo, degli Stati Uniti, ha senso solo pianificare il futuro e proteggere ciò che rimane di questa risorsa una volta naturalmente bilanciata coltivando la canapa. Possiamo aiutare a ripristinare quell'equilibrio piantando, raccogliendo e trasformando la canapa nelle molte applicazioni cellulosiche per le quali gli alberi sono stati utilizzati principalmente da quando la carta di legno ha sostituito la carta di canapa nel Nord America negli anni 'XNUMX.

Fibra di canapa industriale estremamente adatta anche per la conservazione della carta e della foresta pluviale (fig.)
Fibra di canapa industriale estremamente adatta anche per la carta e il salvataggio della foresta pluviale (AFB.)

La cellulosa è la principale sostanza chimica che rende la carta e altri prodotti compositi come i pannelli truciolari più forti e resistenti. Con una concentrazione del 72%, la corteccia di canapa ha una maggiore concentrazione di cellulosa rispetto al legno, che fornisce solo il 42%. In sostanza, più cellulosa contiene una pianta, meno sostanze chimiche servono per produrre la carta. La corteccia di canapa ha il più alto contenuto di cellulosa di qualsiasi pianta conosciuta.

Non solo la canapa cresce molto più velocemente degli alberi, ma il suo alto contenuto di cellulosa consente costi di conversione più rapidi e inferiori e non richiede le quantità significative di sostanze chimiche tossiche necessarie per la lavorazione del legno.

Migliore chimica

La produzione di carta dal legno richiede inquinanti come acido solforico, candeggina e cloro per rimuovere la massa di fibre non cellulosiche durante il processo di spappolamento. Le fibre di canapa, invece, possono essere sbiancate con perossido di idrogeno, che non danneggia chimicamente l'acqua. Inoltre, la carta in fibra di canapa, rispetto alla sua controparte in pasta di legno, è resistente alla decomposizione e non ingiallisce o diventa marrone con il tempo.

La fibra di canapa può svolgere un ruolo fondamentale nel commercio e nello sviluppo economico. Ma la cosa più importante che i governi devono capire è il potenziale della canapa per guarire il pianeta e promuovere la salute umana. Poiché la fibra di canapa e i suoi sviluppi associati acquistano slancio, non si tratta di eliminare gradualmente altre fibre e sostituirle completamente con la canapa. La caratteristica interessante del "modello di business della canapa" è che le partnership con le capacità industriali esistenti sono virtualmente illimitate!

Fonti tra cui CIHC (EN), Fondazione Canapa (EN), Canapa Oggi (EN), DentalFonline (EN)

Dai una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Torna in alto