Vai al contenuto principale
Menu
La politica olandese sulle droghe pesanti può includere The Trash In

La politica olandese sulle droghe pesanti può essere trashed

Diffondi l'amore ✌🏼

Secondo il ministro Grapperhaus, la produzione e la distribuzione di tutte le droghe della categoria più pesante dell'Opium Act (cocaina, anfetamine, ecstasy e ghb) devono essere affrontate molto duramente. Esattamente "Guerra alla droga'politiche che ti causano molti problemi, perché la legalizzazione non è presumibilmente un'opzione. In tutto il mondo vengono spesi non meno di 90 miliardi di euro per questa guerra alla droga. E mentre il traffico illegale di droga e il flusso di denaro nero, le liquidazioni e così via, sono solo in aumento.

L'attuale politica sulla droga è diventata insostenibile, hanno detto gli esperti. Ciò era evidente dall'apparizione di "De Schiedamse cocaine nafia" del giornalista del crimine NRC Jan Meeus. Ha testato le sue scoperte contro scienziati e agenti di polizia.

Circuito illegale

La giustizia mantiene una politica di divieti sulle risorse a cui intere tribù vogliono accedere. Alle feste in casa e ai festival, tutti sono in giro, annusano o galleggiano lungo i palchi con un pizzico di hash o cannabis. La criminalità organizzata ne fa un uso impaziente, rendendo gli effetti sempre più dolorosi. Una quantità record di cocaina è stata intercettata l'anno scorso nel porto di Rotterdam, uno dei principali punti di accesso alla droga. Il pescato totale era più che triplicato con 19.000 chili di coca cola rispetto al 2017. Il team speciale Hit and Run Cargo ha intercettato un intero mucchio di "bianco", 241 chili di marijuana, 3378 chili di hash e 58 chili di eroina. Quando vedi questi numeri, puoi immaginare che un multiplo di questi farmaci raggiunga la terraferma.

Crimine organizzato e professionale

Questa continua fornitura di droga crea un enorme flusso di denaro sporco nella società. Il traffico illecito di stupefacenti è così redditizio e cresce così velocemente che arresti, multe e sequestri non hanno l'effetto desiderato. La macchina della droga ben oliata rimbomba imperturbabile. Ci sono anche molti altri effetti negativi visibili nella società. I miliardi di euro di denaro della droga devono essere riciclati, portando alla corruzione e alle attività illegali. Inoltre, il traffico illegale di stupefacenti ha un'enorme attrazione per i giovani che sono lontani dal mercato del lavoro. Per non parlare dei rifiuti di droga che si trovano principalmente nelle foreste del Brabante e del Limburgo. La produzione e la vendita illegali di cocaina, cannabis ed ecstasy stanno aumentando e non possono essere applicate dalla polizia e dalla magistratura.

Questo mentre il governo continua a gettare milioni di euro in una fossa apparentemente senza fondo. Uno sviluppo triste che non si adatta più a un'epoca in cui le droghe, come l'alcol, sono diventate quasi all'ordine del giorno nella vita notturna. Non è giunto il momento di dare un'occhiata più da vicino a questa antica politica sulle droghe? Molte persone non approvano l'uso di droghe, ma le conseguenze del traffico illegale di droga sì?

È tempo di una riforma della politica sulle droghe

Naturalmente ci sono molti pro e contro che approvano o disapprovano la legalizzazione o la regolamentazione delle droghe pesanti. Non c'è dubbio che si tratti di un grave problema sociale. Ciò riguarda due questioni importanti: salute pubblica e criminalità. Questa sera diversi esperti hanno dato uno sguardo critico alla politica olandese sulla droga nel talk show M su NPO1. Kathalijne Buitenweg, membro del parlamento di GroenLinks: “Potremmo non dover approvare l'uso di droghe pesanti, ma riconosciamo che molti giovani ne fanno uso. Il modo in cui ora affrontiamo questo problema non ha senso. Ecco perché dobbiamo pensare con più attenzione ad altre soluzioni come la regolamentazione e la legalizzazione. Sono ammessi alcol e tabacco, ad esempio, che è una situazione totalmente schizofrenica. Si può fare molto di più anche sulla prevenzione ". Anche il dottor Ton Nabben, criminologo, si è seduto al tavolo con Margriet van der Linden. “L'Opium Act esiste da 100 anni. Abbiamo perso da tempo la guerra alla droga. Ecco perché dobbiamo esaminare gli scenari per affrontare questo problema e reinventare la politica sulla droga. Un primo passo verso la regolamentazione dell'XTC, ad esempio, è rendere l'MDMA non un farmaco dell'elenco 1, ma un farmaco dell'elenco 2 ". L'elenco 2 contiene le sostanze erbaccia e hash.

È quasi impossibile per i politici sentire che l'attuale, inefficace politica sulle droghe sta fallendo da tutte le parti. Anche la legalizzazione diretta potrebbe non essere la strada da percorrere, ma vale sicuramente la pena prenderla in considerazione. Gli esperti quindi insistono sulla consulenza scientifica sulla possibilità di legalizzazione. Naturalmente seguito da un dibattito politico europeo sulla progettazione di una nuova politica in materia di droga. Quando questo accadrà finalmente, resta da vedere. Non c'è dubbio che qualcosa deve essere fatto.

Dai una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Torna in alto