Casa la Cannabis La Johns Hopkins sta testando la marijuana medica come potenziale terapia per il prurito cronico

La Johns Hopkins sta testando la marijuana medica come potenziale terapia per il prurito cronico

porta drugsinc

La Johns Hopkins sta testando la marijuana medica come potenziale terapia per il prurito cronico

Il prurito cronico, noto clinicamente come prurito cronico, è caratterizzato da una sensazione di prurito inarrestabile e talvolta anche debilitante e spesso abbassa la qualità della vita di chi ne soffre.

Il trattamento della condizione è stato difficile perché ci sono poche terapie approvate dalla Food and Drug Administration. Ora, un recente caso di studio dei ricercatori della Johns Hopkins Medicine fornisce la prova che potrebbe già esserci un'opzione promettente disponibile per i pazienti con prurito cronico: la marijuana medica (cannabis).

"Il prurito cronico può essere una condizione particolarmente difficile da trattare, spesso utilizzando terapie off-label", ha detto Shawn Kwatra, MD, assistente professore di dermatologia presso la Johns Hopkins University School of Medicine. "Con l'aumento dell'uso della marijuana medica e la nostra comprensione del ruolo del sistema endocannabinoide (un complesso sistema di segnalazione cellulare che regola una varietà di funzioni nel corpo) nel prurito cronico, abbiamo deciso di provare la marijuana medica in un paziente che ha fallito diversi terapie. e aveva poche opzioni alternative ".

Il recente studio ha esaminato una donna afroamericana sulla sessantina che soffriva di prurito cronico da 10 anni. La paziente inizialmente è arrivata al Johns Hopkins Itch Center con gravi sintomi di prurito alle braccia, alle gambe e all'addome. Un esame della pelle ha rivelato numerose lesioni cutanee in rilievo iper-pigmentate. Al paziente sono stati applicati vari trattamenti, comprese varie terapie sistemiche, spray nasali ad azione centrale, creme steroidee e fototerapia, ma tutti hanno fallito.

L'uso della marijuana medicinale ha immediatamente migliorato il prurito cronico

I ricercatori affermano che l'uso di marijuana medica - sia attraverso il fumo che in forma liquida - ha dato alla donna un miglioramento quasi immediato.

"Abbiamo fatto valutare alla paziente i suoi sintomi utilizzando una scala di valutazione numerica, dove 10 indicava il prurito peggiore e zero indicava che non aveva affatto prurito", dice uno dei ricercatori. “Ha iniziato con un grado di 10, ma è scesa a un grado di prurito di 10 entro 4 minuti dalla prima somministrazione della marijuana medica. Con l'uso continuato della cannabis, il prurito del paziente è scomparso completamente. "

I ricercatori ritengono che uno dei principi attivi della marijuana medicinale, il tetraidrocannabinolo, comunemente noto con l'abbreviazione di THC, si leghi ai recettori cerebrali che agiscono sul sistema nervoso. Quando ciò accade, l'infiammazione e l'attività del sistema nervoso diminuiscono, il che può portare anche a una riduzione delle sensazioni cutanee come il prurito.

Sebbene ci siano ancora conclusivi Onderzoek dovrebbe essere fatto per convalidare la marijuana medica come misura efficace per il sollievo di prurito precedentemente incontrollabile, si ritiene che ulteriori studi clinici siano certamente giustificati.

"Sono necessari studi controllati per determinare il dosaggio, l'efficacia e la sicurezza della marijuana medica nel trattamento di vari sottotipi di prurito umano, e una volta condotti capiremo meglio quali pazienti hanno maggiori probabilità di beneficiare di questa terapia".

Anche presso la National Library of Medicine i risultati della ricerca sul trattamento del prurito cronico

La marijuana medica sta diventando ampiamente disponibile per i pazienti negli Stati Uniti e ora che la marijuana ricreativa è stata legalizzata in molti stati, l'interesse dei pazienti è in aumento. Il sistema endocannabinoide svolge un ruolo importante nell'omeostasi cutanea, oltre a effetti più ampi sulle risposte neurogeniche come prurito e nocicezione, infiammazione e risposte immunitarie.

Anche presso la National Library of Medicine i risultati della ricerca sul trattamento del prurito cronico
Anche presso la National Library of Medicine i risultati della ricerca sul trattamento del prurito cronico (AFB.)

Numerosi studi su modelli in vitro e animali hanno fornito informazioni sui possibili meccanismi di modulazione dei cannabinoidi sul prurito, con la maggior evidenza dietro la modulazione neuronale delle fibre del prurito periferico e dei recettori cannabinoidi ad azione centrale.

Inoltre, gli studi sull'uomo, sebbene limitati a causa delle differenze nei cannabinoidi utilizzati, nei modelli di malattia e nel metodo di somministrazione, hanno costantemente mostrato una significativa riduzione sia dei graffi che dei sintomi del prurito cronico.

Studi clinici hanno dimostrato una riduzione del prurito in varie malattie dermatologiche (dermatite atopica, psoriasi, eczema asteatotico, prurigo nodularis e dermatite allergica da contatto) e sistemiche (prurito uremico e prurito colestatico).

Questi studi preliminari sull'uomo garantiscono studi controllati per confermare il beneficio dei cannabinoidi nel trattamento del prurito e per standardizzare i regimi e le indicazioni di trattamento. Nei pazienti che hanno prurito cronico refrattario dopo terapie standard, le formulazioni di cannabinoidi possono essere considerate una terapia adiuvante quando legale.

Così il rapporto dell'indagine sul prurito cronico al National Library of Medicine.

Le fonti includono AnalyticalCannabis (EN), Hopkins Medicina (EN), TheCrowthOp (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento