Casa delinquenza I Democratici USA introducono una nuova legge che depenalizza il possesso di droga

I Democratici USA introducono una nuova legge che depenalizza il possesso di droga

porta drugsinc

I Democratici USA introducono una nuova legge che depenalizza il possesso di droga

Due rappresentanti della Camera Democratica negli Stati Uniti hanno presentato ieri un disegno di legge che porrà fine alle sanzioni penali federali per possesso di droga, azzera i registri criminali di droga e potenzialmente ridefinirà le condanne dei trasgressori del passato.

Sono trascorsi cinquant'anni da quando l'allora presidente Richard Nixon lanciò la guerra alla droga, una mossa che ha avuto un impatto enorme su milioni di vite per il prossimo mezzo secolo.

Negli ultimi anni, molti americana gli stati, tuttavia, hanno iniziato lentamente a riparare agli incommensurabili danni causati da decenni di massiccio controllo della droga. Ora i rappresentanti della Camera Bonnie Watson Coleman e Cori Bush vogliono portare la riforma sulla droga a livello federale.

Il disegno di legge, intitolato The Drug Policy Reform Act (DPRA), porrebbe fine alla criminalizzazione federale del possesso di droga. Il disegno di legge è stato redatto attraverso una collaborazione tra la Drug Policy Alliance (DPA) – la principale organizzazione non profit del paese per porre fine alla proibizione della droga – e politici democratici.

I rappresentanti della Camera hanno presentato il disegno di legge ieri, 17 giugno, esattamente 50 anni dopo che Richard Nixon ha dichiarato la guerra alla droga.

Cancellare o ridefinire le sanzioni per possesso di droga

Oltre a depenalizzare il possesso di droga, la DPRA cancellerebbe anche i precedenti penali e si risentirebbe per i trasgressori passati in base alla nuova legislazione.

Inoltre, sposterebbe anche l'autorità sulle leggi sulla droga dal procuratore generale al segretario per la salute e i servizi umani, il che significa essenzialmente che l'uso di droghe sarebbe considerato un problema di salute piuttosto che criminale.

Anche gli impatti legati alla criminalizzazione della droga – come la negazione di benefici pubblici, impiego, patenti di guida, diritti di voto e status di immigrazione – sarebbero negati.

Nuovo disegno di legge per cancellare o ridefinire le sanzioni per possesso di droga (Fig.)
Nuovo disegno di legge per cancellare o ridefinire le sanzioni per possesso di droga (AFB.)

In un comunicato stampa, la deputata Cori Bush ha dichiarato: "Crescendo a St. Louis, ho visto l'epidemia di cocaina crack privare la mia comunità di così tante vite".

“Ho assistito a una feroce guerra della marijuana in cui i neri sono stati arrestati per possesso con una probabilità tre volte maggiore rispetto ai loro omologhi bianchi, sebbene i tassi di utilizzo siano simili. Come infermiera, ho visto famiglie nere criminalizzate per uso di eroina, mentre famiglie bianche sono state curate per uso di oppiacei. E ora, come membro del Congresso, vedo lo schema ripetersi con il fentanyl mentre la DEA spinge per una classificazione completa che criminalizzi il possesso e l'uso. Questo approccio punitivo provoca più dolore, aumenta l'uso di sostanze e lascia milioni di persone che vivono nella vergogna e nell'isolamento con un supporto e una guarigione limitati”.

Un recente sondaggio, pubblicato dal DPA e dall'American Civil Liberties Union (ACLU), ha rivelato che il 66% degli elettori negli Stati Uniti sosterrebbe una politica per sostituire le sanzioni penali per i reati di droga con approcci più basati sulla salute.

Durante la campagna elettorale dello scorso anno, il presidente Joe Biden e il vicepresidente Kamala Harris hanno annunciato che avrebbero sostenuto la depenalizzazione federale della cannabis.

Lo stato americano dell'Oregon ha già fatto la prima mossa, optando di recente per consentire il possesso di piccole quantità di tutte le droghe depenalizzare in mezzo a una continua ondata di legalizzazione della cannabis in tutto il paese.

Fonti tra cui Canex (EN), Settimana delle notizie (EN), TheFreshToast(EN), La CrescitaOP (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento