Casa Azioni e finanziari Gli assicuratori statunitensi della cannabis si stanno preparando per la legalizzazione federale

Gli assicuratori statunitensi della cannabis si stanno preparando per la legalizzazione federale

porta Ties Inc.

2021-08-23-Gli assicuratori statunitensi della cannabis si preparano alla legalizzazione federale

NEW YORK - Gli assicuratori si stanno preparando per un grande boom nell'industria della cannabis mentre la legalizzazione dell'erba a livello federale si avvicina.

36 stati degli Stati Uniti hanno cannabis legalizzata per uso medico o ricreativo. L'assicurazione per coltivatori, laboratori di analisi e rivenditori è in gran parte limitata dalle rigide leggi federali che criminalizzano la cannabis oltre all'eroina, la metanfetamina e l'LSD.

Assicurazione per l'industria della cannabis

Le vendite legali di cannabis negli Stati Uniti sono aumentate del 45% lo scorso anno e si prevede che raggiungeranno i 2026 miliardi di dollari entro il 41, ha affermato la società di ricerca BDSA con sede in Colorado. Ma l'industria ha scritto solo circa 250 milioni di dollari in polizze l'anno scorso, stimano gli agenti assicurativi per Reuters, con una manciata di vettori che offrono una copertura limitata di proprietà e responsabilità.

Le aziende hanno anche bisogno di una copertura per i loro impianti e furti e stanno aumentando i limiti di pagamento secondo assicuratori, broker, agenti, avvocati e proprietari di aziende di cannabis intervistati da Reuters.

Grande bisogno di assicurazione sulla cannabis

Poiché il Congresso considera l'allentamento delle leggi federali, gli assicuratori vedono opportunità. Poiché gli assicuratori sono regolamentati a livello statale, ora possono fornire copertura negli stati in cui la cannabis è legale. La depenalizzazione federale potrebbe espandere il mercato.

"C'è un bisogno schiacciante dei giusti tipi di assicurazione", ha affermato Rocco Petrilli, presidente della National Cannabis Risk Management Association (NCRMA), un gruppo commerciale di 3.000 aziende di cannabis. NCRMA ha costituito un assicuratore vincolato ad aprile per fornire ai membri una copertura per proprietà, società e responsabilità da prodotto. Prevede di aggiungere la compensazione dei lavoratori e la copertura dell'auto nel quarto trimestre, ha affermato Petrilli. L'approccio vincolato fornisce ai membri NCRMA solo una copertura su misura per le loro esigenze.

CannGen Insurance Services, un assicuratore generale nazionale di rischi di cannabis, CBD e canapa che collabora con vettori commerciali, prevede di introdurre presto autisti e funzionari (D&O) e copertura di responsabilità per le pratiche di lavoro, attraverso una nuova divisione chiamata CannGenPRO, ha affermato Charles Pyfrom, capo agente di marketing. CannGen distribuisce tramite intermediari designati al dettaglio e all'ingrosso per fornire "uno sportello unico".

Alcuni importanti assicuratori, come Progressive Corp (PGR.N) Farmers Insurance, Liberty Mutual e AXA SA (AXAF.PA), offrono copertura mentre più stati legalizzano l'erba. Vendono spesso attraverso sussidiarie e lavorano con CannGen o altri, spettacoli di licenza statale. Progressive ha affermato che la sua polizza sui veicoli copre la responsabilità e i danni fisici negli stati che hanno legalizzato il trasporto di cannabis, ma non assicura i carichi. Le altre società hanno rifiutato di commentare.

Assicurazione costosa per gli imprenditori della cannabis

Le nuove politiche non possono arrivare abbastanza presto per i proprietari di attività di cannabis, che affermano che la copertura è spesso difficile da trovare e costosa. Ad esempio, i proprietari di dispensari di cannabis hanno detto a Reuters che i loro premi sono dal 20% al 30% superiori a quelli che pagherebbe un normale rivenditore. La copertura del veicolo può costare fino a quattro o cinque volte di più, hanno detto.
Anche l'assicurazione D&O, fondamentale per raccogliere capitali, è costosa, ha affermato Gavin Kogan, CEO di Grupo Flor, un coltivatore, distributore e produttore autorizzato con cinque farmacie californiane. Ha detto che paga $ 85.000 a $ 100.000 all'anno per $ 1 milione in protezione D&O, "e la copertura è super limitata".

Una mancanza di assicurazione può anche portare a sfide operative e aumento dei costi. Ad esempio, i limiti di copertura assicurativa del trasporto merci bassi possono costringere le aziende a suddividere le spedizioni, ha affermato Gene Brown, un agente assicurativo di Carmel, in California, specializzato nella copertura della cannabis. "A volte hai grandi spedizioni che consegnano grandi quantità di cannabis o trasportano grandi quantità di denaro", ha detto. Hanno bisogno di $ 1 milione di copertura, ma "puoi ottenere solo $ 500.000 in questo momento".

Spinta alla legalizzazione

Man mano che sempre più stati legalizzano la cannabis, i legislatori statunitensi sono sottoposti a crescenti pressioni per seguire l'esempio. In precedenza, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha presentato un disegno di legge ambizioso per legalizzare la cannabis.

Ad aprile, la Camera dei Rappresentanti ha approvato un disegno di legge bipartisan che consentirebbe alle banche di fornire servizi alle imprese di cannabis negli stati in cui è legale. È improbabile che la misura di Schumer nella sua forma attuale diventi legge, data la piccola maggioranza di democratici al Senato, ha affermato Ian Stewart, partner e co-presidente della pratica della cannabis presso lo studio legale Wilson Elser.

Tuttavia, analisti e dirigenti assicurativi affermano che questi disegni di legge mostrano che il Congresso si sta lentamente muovendo verso leggi sulla cannabis più clementi. BDSA prevede una qualche forma di legalizzazione federale nel 2022 e Petrilli, di NCRMA, ha affermato che le vendite assicurative alle compagnie di cannabis potrebbero salire a oltre $ 3 miliardi nei prossimi cinque anni. "Chiunque si occupi di fornire un'assicurazione a prezzi ragionevoli per questo settore con la copertura necessaria avrà molto, molto successo", ha affermato Kogan.

Lees più op Reuters.com (Fonte, EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento