Casa la Cannabis Canapa contro corona: una medicina alternativa?

Canapa contro corona: una medicina alternativa?

porta Ties Inc.

2022-01-13-Canapa contro corona: una medicina alternativa?

Uno studio pubblicato questa settimana dai ricercatori dell'Oregon State University ha scoperto che alcuni composti di canapa hanno la capacità di impedire al virus di entrare nelle cellule umane.

I risultati dello studio condotto da Richard van Breemen, ricercatore presso il Global Hemp Innovation Center, il College of Pharmacy e il Linus Pauling Institute dello Stato dell'Oregon, sono stati pubblicati questa settimana sul Journal of Natural Products.

La canapa come medicina

canapa è ampiamente usato. Ad esempio, viene utilizzato nell'edilizia, nei mangimi e in molti estratti. La sostanza si trova spesso anche come additivo in cosmetici, lozioni per il corpo, integratori alimentari e prodotti commestibili. Van Breemen: “Abbiamo identificato diversi ligandi cannabinoidi e li abbiamo classificati in base alla loro affinità con la proteina spike. I cannabinoidi CBDA e CBGA hanno bloccato l'infezione. Questi componenti, che possono essere assunti per via orale, hanno il potenziale per prevenire e curare l'infezione da coronavirus". Naturalmente, ci sono ancora molti passaggi tra questa ricerca e lo sviluppo di un farmaco.

Le differenze tra CBD, CBDA e CBGA

Il CBD, abbreviazione di cannabidiolo, non provoca effetti psicoattivi. Probabilmente è quello che vedi in alcune farmacie, negozi di alimenti naturali o farmacie. È un composto molto versatile, che lo rende ideale per oli, caramelle gommose, lozioni, creme e altri prodotti. La canapa contiene molto CBD. Ma il CBD non è il composto testato nello studio dell'Oregon State. Il CBD è attivato nelle piante di canapa dalla sua forma originale – CBDA.

Il CBDA, noto come acido cannabidiolico, è secreto negli steli, nelle foglie e nei fiori di una pianta di cannabis. In realtà, è la forma grezza del CBD.Quando la pianta subisce l'attivazione (un processo che coinvolge il calore), l'acido viene rimosso dal CBDA, attivando il CBD.
Hanno composti simili, ma il CBDA non è così versatile. Solitamente viene estratto premendo materiale vegetale e può essere aggiunto a cibi, bevande o utilizzato in tinture, estratti vegetali concentrati.

Il CBGA, noto come acido cannabigerolico, è considerato il “cannabinoide madre” perché senza CBD non c'è CBD, CBDA o THC. I composti CBGA sono simili ad altri cannabinoidi, ma non sono stati studiati così spesso come gli altri. Non è inebriante. Gli enzimi chiamati sintasi sono responsabili della conversione del CBGA in molecole come il THCA, la molecola grezza non attivata che si converte in THC dopo l'applicazione del calore.

Lees più op clickondetroit.com (Fonte, EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento