Casa CBD Il CBD è una nuova arma nella lotta contro il morbo di Alzheimer

Il CBD è una nuova arma nella lotta contro il morbo di Alzheimer

porta Ties Inc.

2022-10-17-CBD è una nuova arma nella lotta contro il morbo di Alzheimer

Il CBD sembra avere molto potenziale per curare il morbo di Alzheimer. In ogni caso, questo è ciò che tutti i dati preclinici (in vitro e in vivo) studi sugli animali) attualmente disponibile sul trattamento del morbo di Alzheimer (AD) con CBD.

In effetti, il CBD può agire su molti dei meccanismi chiave alla base della malattia e quindi ha il potenziale per rallentare, se non invertire, la progressione della malattia, cosa che nessun altro trattamento è stato in grado di ottenere.

CBD contro il morbo di Alzheimer

L'AD è una malattia cronica degenerativa del cervello ed è la causa più comune di demenza (circa dal 50% al 75%) negli anziani. Attualmente, si stima che circa 50 milioni di persone nel mondo soffrano di demenza compatibile con l'AD, una cifra che dovrebbe raddoppiare in Europa e triplicare a livello globale entro il 2050. Questa malattia provoca una lenta degenerazione dei neuroni, che porta a disturbi della memoria recente, delle funzioni esecutive (proiezione, organizzazione, pianificazione) e orientamento nel tempo e nello spazio. Il paziente perde gradualmente capacità cognitive e autonomia.

AD è caratterizzato dalla presenza di due fenomeni principali. Da un lato, la formazione delle cosiddette placche proteiche "β-amiloidi", che accumulano, comprimono e alla fine distruggono i neuroni. E dall'altro il ruolo di un'altra proteina chiamata “tau” che normalmente è presente nella struttura dei neuroni. Tuttavia, questo cambia durante la malattia. Ci sarà un groviglio di proteine ​​che distorce e alla fine uccide i neuroni.

Per molti decenni, questi due fenomeni principali sono stati considerati l'origine della malattia. Negli ultimi anni, tuttavia, un gran numero di studi ha messo in discussione questa ipotesi, favorendo altri meccanismi come lo stress ossidativo e la neuroinfiammazione.

È anche interessante notare che lo stress ossidativo è un meccanismo patologico già presente in molte malattie (cancro, malattie neurodegenerative, autoimmuni). Inoltre, è la principale causa di invecchiamento precoce. Viene definito come il risultato di uno squilibrio tra la produzione di molecole ossidanti e le nostre difese antiossidanti che portano al danno cellulare. È una delle conseguenze del nostro attuale modo di vivere (inquinamento, fumo, cattiva alimentazione, ecc.).

La neuroinfiammazione deriva da un'infiammazione sistemica del nostro corpo (di basso grado), che si diffonderà al nostro cervello e causerà danni neuronali. Questa infiammazione è causata, tra l'altro, dalla nostra dieta, ma anche da condizioni come l'obesità o il diabete di tipo II.

CBD e il sistema endocannabinoide (ES)

Sulla base delle nuove scoperte fatte sulle origini dell'AD, molti studi si sono concentrati sul cannabidiolo (CBD), in particolare per le sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e neuroprotettive.
Il CBD è uno dei numerosi cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis sativa. Non ha praticamente alcun effetto psicoattivo e non provoca effetti dannosi sulla salute o sulla dipendenza, a differenza del Delta-9-Tetraidrocannabinolo (THC) che è presente anche nella pianta di cannabis ed è ampiamente usato come droga ricreativa.

L'azione del CBD si basa in gran parte sull'azione del sistema endocannabinoide, che consiste in una serie di recettori specifici delle sostanze (endocannabinoidi) normalmente prodotte dall'organismo e che sono responsabili della regolazione dell'equilibrio di un gran numero di funzioni fisiologiche di il corpo (sonno, stress, dolore, sistema immunitario).

Effetti del CBD

Il CBD può agire direttamente e indirettamente sull'equilibrio ossidativo alterando il livello e l'attività di ossidanti e antiossidanti, riducendo così lo stress ossidativo che ne deriva. Altre ricerche hanno dimostrato che il CBD, attraverso il suo potere antinfiammatorio, può ridurre la neuroinfiammazione e migliorare le funzioni cognitive e di memoria. Infine, si dice che il CBD riduca i depositi di placche amiloidi e i grumi di proteine ​​tau alterate, riducendo così la degenerazione dei neuroni. A breve dovrebbero iniziare gli studi clinici su volontari affetti da AD per valutare l'impatto del CBD sull'evoluzione della malattia e sullo stato clinico dei pazienti.

Fonte: portogallo.com (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento