Vai al contenuto principale
Menu
Come viene estratto il CBD dalla canapa?

Come viene estratto il CBD dalla canapa?

Diffondi l'amore ✌🏼

CBD è il nuovo popolare ingrediente per il benessere. Tutti vogliono metterci le mani sopra, ma da dove proviene?

CBD sta per cannabidiolo, una sostanza appartenente alla famiglia di cannabinoidi che si presenta naturalmente nella pianta di cannabis. La famiglia di piante di cannabis sativa può essere approssimativamente divisa in marijuana e canapa. Sebbene entrambi contengano CBD, la canapa (quanto conveniente) contiene un valore molto basso (inferiore allo 0,2%) THCcontenuto rispetto alla marijuana e può essere legalmente coltivato dagli agricoltori in molti paesi del mondo. Ecco perché il CBD viene estratto da materie prime di canapa essiccate e macinate.

A seconda delle fasi di purificazione dopo la prima estrazione, è possibile produrre diversi tipi di estratti dall'isolato completo ad ampio spettro all'isolato di CBD. Tuttavia, ogni processo inizia ed è caratterizzato dalla scelta di un metodo per questa estrazione iniziale, quindi diamo un'occhiata alle opzioni più comuni.

Estrazione dell'alcool di CBD

L'alcool utilizzato per l'estrazione è generalmente etanolo o alcool isopropilico, entrambi solventi spesso utilizzati nella produzione alimentare. Il materiale vegetale viene saturato con esso, quindi la soluzione con i componenti di estratto viene filtrata dalla miscela e l'alcool viene rimosso per distillazione.

Il cosiddetto estratto grezzo risultante viene quindi sottoposto a ulteriori distillazioni per rimuovere, ad esempio, la clorofilla (il colore verde delle piante) o i cannabinoidi indesiderati come il THC, arricchendo i cannabinoidi desiderati come il CBD.

L'estrazione dell'alcool è il metodo più utilizzato per l'estrazione del CBD in tutto il mondo. Il solvente può essere riciclato e utilizzato per l'estrazione successiva, rendendo questo metodo conveniente e risparmiando risorse. Né richiede attrezzature eccessivamente specializzate.

Estrazione di CO2 da CBD

Se hai mai letto qualcosa sull'estrazione del CBD, probabilmente hai trovato CO2, il solvente elogiato per essere il più pulito che ci sia. Di solito la CO2 è un gas, ma se la pressione e la temperatura sono regolate correttamente, può essere un cosiddetto "fluido supercritico" che viene utilizzato come mezzo di estrazione.

Il processo di estrazione è sostanzialmente lo stesso dell'alcool, tranne per il fatto che è necessaria una configurazione più sofisticata per gestire le alte pressioni risultanti dall'uso di CO2 liquida. Tra i lati positivi, un numero maggiore di punti di regolazione può escludere dall'inizio componenti più indesiderati e il solvente (CO2) può essere facilmente evaporato alla fine del processo senza lasciare tracce nel prodotto.

L'estrazione di CO2 è diventata popolare negli ultimi anni, ma gli elevati costi operativi e le attrezzature specializzate richieste possono essere il motivo per cui non è in grado di assumere un ruolo guida nell'ex estrazione dell'alcool.

Estrazione di olio di CBD

L'estrazione di cannabinoidi con oli vegetali è probabilmente il metodo storicamente più lungo e quindi merita di essere menzionato qui. L'olio è "infuso" con materia prima di canapa, che rilascia lentamente i suoi componenti solubili in olio, proprio come quando si prepara una tazza di tè.

Il principale svantaggio è che l'olio non può essere rimosso facilmente, il che significa che la concentrazione di cannabinoidi nel prodotto risultante rimane relativamente bassa e non è possibile rimuovere selettivamente componenti indesiderati come il THC. Gli oli vegetali sono anche solventi relativamente costosi e inefficaci rispetto alla suddetta CO2 o alcool.

Estrazione di butano CBD

Come etanolo e CO2, il butano può essere usato come un solvente efficace per i cannabinoidi quando viene passato sul materiale vegetale essiccato macinato. L'attrazione iniziale è l'elevata volatilità, che consente di rimuovere tutte le tracce di questo solvente applicando un po 'di calore o un piccolo vuoto. Tuttavia, è anche altamente esplosivo e infiammabile, il che rende difficile lavorare con questo solvente in condizioni di lavoro sicure. Inoltre, non è un solvente preferito da utilizzare nei prodotti alimentari.

L'estratto risultante contiene ancora un alto contenuto di terpeni e livelli di THC naturale e di solito non sono ulteriormente perfezionati.

Estrazione di resina CBD

Questo metodo produce prodotti molto simili all'estrazione di butano, ma completamente senza l'uso di solventi. Al contrario, l'alta pressione e il calore vengono utilizzati per ottenere un estratto resinoso direttamente dal materiale vegetale. Maggiore è la pressione che può essere applicata, meno calore deve essere usato, lasciando intatti i terpeni preziosi.

Questo metodo è diventato sempre più popolare tra i piccoli produttori alla ricerca di estratti a spettro completo, pur mantenendo il contenuto naturale di THC, terpeni e altri composti vegetali.

Conclusione

Come puoi vedere, c'è molto di più del "solo" metodo per estrarre il CBD dalla canapa. Il metodo scelto dipenderà da vari fattori, come l'uso previsto del prodotto di estrazione e considerazioni economiche e ambientali, nonché dalle attrezzature disponibili.

La linea di fondo è che mentre tutti i metodi sopra descritti possono produrre un estratto pulito, è sempre meglio controllare i COA (certificati di analisi) forniti dal produttore per garantire che il prodotto finale sia sicuro da usare.

Le fonti includono ApeksSuperCritical (EN), Cibdol (EN), MarijuanaBreak (EN), MeetHarmony (EN)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Torna in alto