Casa Salute Cosa fanno gli psichedelici nel cervello?

Cosa fanno gli psichedelici nel cervello?

porta Ties Inc.

2022-03-23-Cosa fanno gli psichedelici nel cervello?

Negli ultimi decenni, le sostanze psichedeliche sono state ampiamente stigmatizzate come pericolose droghe illegali. Ma una recente ondata di ricerca accademica sul suo uso per il trattamento di condizioni psichiatriche sta causando un recente cambiamento nell'opinione pubblica.

Gli psichedelici sono droghe psicotrope: sostanze che influenzano il tuo stato mentale. Altri tipi di farmaci psicotropi includono antidepressivi e ansiolitici. Tuttavia, gli psichedelici e altri tipi di allucinogeni sono unici nella loro capacità di indurre temporaneamente intense allucinazioni, emozioni e disturbi dell'autocoscienza.

I ricercatori che studiano il potenziale terapeutico di questi effetti hanno scoperto che gli psichedelici possono ridurre drasticamente i sintomi di depressione e ansia, PTSD, abuso di sostanze e altre condizioni psichiatriche. Si pensa che le intense esperienze, o "viaggi", che gli psichedelici causano creino una finestra temporanea di flessibilità cognitiva che consente ai pazienti di accedere a parti sfuggenti della loro psiche e sviluppare migliori capacità di coping e schemi di pensiero.

Tuttavia, non è ancora chiaro come esattamente gli psichedelici creino questi effetti. I ricercatori in psichiatria e apprendimento automatico erano interessati a come questi farmaci influenzano il cervello. Con l'intelligenza artificiale, le esperienze soggettive delle persone durante l'uso di sostanze psichedeliche potrebbero essere mappate in specifiche regioni del cervello fino al livello molecolare.

Viaggi nel cervello

Ogni psichedelico funziona in modo diverso nel corpo e ciascuna delle esperienze soggettive create da questi farmaci ha effetti terapeutici diversi. Ad esempio, i sentimenti di unità sono associati alla diminuzione della depressione e dell'ansia. Sapere come ogni sostanza psichedelica produce questi effetti specifici nel corpo può aiutare i medici a ottimizzare il loro uso terapeutico.

Per capire meglio come questi effetti soggettivi si manifestano nel cervello, i ricercatori hanno analizzato più di 6.000 testimonianze scritte di esperienze allucinogene dell'Erowid Center. Un'organizzazione che raccoglie e fornisce informazioni sulle sostanze psicoattive. Abbiamo convertito queste testimonianze in un cosiddetto "modello a sacco di parole", che scompone un determinato testo in singole parole e conta la frequenza con cui ogni parola ricorre.
Hanno quindi abbinato le parole più comunemente usate per psichedelico con i recettori nel cervello ad esse associati. L'elaborazione del linguaggio naturale, che consente ai computer di interpretare i linguaggi umani, ha aiutato ad analizzare le esperienze psichedeliche soggettive.

Nuove medicazioni e modelli

Abbiamo trovato nuove associazioni e modelli che confermano ciò che è noto nella letteratura di ricerca. Ad esempio, i cambiamenti nella percezione sensoriale sono stati associati a un recettore della serotonina nella corteccia visiva del cervello, che si lega a una molecola che aiuta a regolare l'umore e la memoria.

I sentimenti di trascendenza erano collegati ai recettori della dopamina e degli oppioidi nella rete di salienza, un insieme di regioni cerebrali coinvolte nella gestione degli input sensoriali ed emotivi. Le allucinazioni uditive erano collegate a un numero di recettori sparsi nella corteccia uditiva.

I nostri risultati sono anche coerenti con l'ipotesi principale che gli psichedelici possano temporaneamente compromettere la funzione esecutiva dall'alto verso il basso o i processi cognitivi coinvolti nell'inibizione, nell'attenzione e nella memoria. Questo mentre rafforza le aree del cervello coinvolte nell'esperienza sensoriale.

La ricerca sulle sostanze psichedeliche è necessaria

Ci sono molte persone con problemi psicologici. La pandemia di COVID-19 ha esacerbato la crisi della salute mentale. Nonostante ciò, non ci sono nuovi trattamenti o farmaci a disposizione. La prosa e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina sono gli antidepressivi più comuni dagli anni '80.

La nostra ricerca mostra che è possibile mappare le diverse e soggettive esperienze psichedeliche in specifiche regioni del cervello. Queste intuizioni potrebbero portare a nuovi modi di trattare una serie di disturbi psichiatrici.

Lees più op individualityhub.com (Fonte, EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento