Casa la Cannabis La DEA afferma che i semi di marijuana sono considerati canapa legale purché non superino il limite di THC

La DEA afferma che i semi di marijuana sono considerati canapa legale purché non superino il limite di THC

porta Ties Inc.

2022-04-09-DEA afferma che i semi di marijuana sono considerati canapa legale purché non superino il limite di THC

La marijuana e può essere bandita a livello federale, ma la Drug Enforcement Administration (DEA) ha riconosciuto che i semi di marijuana della pianta sono generalmente incontrollati e legali. Indipendentemente dalla quantità di THC che si potrebbe produrre nelle cime quando si coltivano quei semi.

La DEA ha recentemente condotto una revisione della legge federale e dei regolamenti di applicazione in risposta a una domanda dell'avvocato Shane Pennington sulla legalità di semi di cannabis, colture di tessuti e "altro materiale genetico" contenenti non più dello 0,3% di THC. L'agenzia ha confermato che i semi di marijuana non sono più controllati dalla legalizzazione federale della canapa.

I semi di marijuana non sono più controllati

A seguito dell'emanazione del Farm Bill del 2018, la canapa è stata esclusa dalla definizione di marijuana dal Controlled Substances Act (CSA), lasciando tutte le parti della pianta di Cannabis sativa L. incontrollate purché non contengano più dello 0,3% di THC.

"Di conseguenza, i semi di marijuana con una concentrazione di delta-9-tetraidrocannabinolo non superiore allo 0,3% su base secca soddisfa la definizione di 'canapa' e quindi non sono coperti dalla CSA", ha scritto Terrence L. Boos, capo della DEA Sezione valutazione farmaci e sostanze chimiche. "Al contrario, i semi di marijuana con una concentrazione di delta-9-tetraidrocannabinolo superiore allo 0,3% in peso secco nella Tabella I sono controllati come marijuana ai sensi della CSA".

Poiché sia ​​i semi di canapa che quelli di marijuana generalmente contengono livelli nominali di THC che non superano la soglia legale, la DEA essenzialmente ammette che le persone possono avere semi di cannabis indipendentemente dalla quantità di THC che la pianta risultante potrebbe produrre, purché i semi stessi contengano meno di 0,3 9 percento delta-XNUMX THC. Rimane illegale a livello federale utilizzare semi di marijuana per coltivare marijuana.

"Secondo me, la lettera è importante perché vediamo ancora confusione sulla regola della fonte: l'argomento secondo cui lo status legale di un prodotto a base di cannabis dipende dal fatto che 'provenga' da marijuana o canapa – che influenza le proposte legislative, anche al governo federale”.

"Ora che sappiamo che la legalità della fonte sia delle piante di canapa che di marijuana (i loro semi) dipende solo dalla concentrazione di THC delta-9, è molto più difficile fare affidamento sulla regola della fonte", ha detto Pennington. "Spero che questo chiarisca molta confusione in questo settore del diritto".

Cultura tissutale e materiale genetico

Oltre ai semi di marijuana, la nuova lettera della DEA chiarisce anche che “altro materiale derivato o estratto dalla pianta di cannabis, come colture di tessuti e qualsiasi altro materiale genetico con una concentrazione di delta-9-tetraidrocannabinolo non superiore allo 0,3 per cento su peso secco base." soddisfa la definizione di "canapa" e quindi non è coperto dal CSA."

Pennington e Zorn non sono estranei alla DEA. Gli avvocati hanno una lunga storia di citare in giudizio l'agenzia per la cannabis e per questioni più ampie di politica sulla droga, come la rottura del monopolio federale sulla coltivazione di marijuana a fini di ricerca.

Zorn è anche coinvolto in una sfida separata alla proposta della DEA di vietare cinque composti psichedelici. Investigatori e avvocati hanno ottenuto una vittoria procedurale in quel caso a febbraio, dopo che il tribunale amministrativo dell'agenzia ha accettato di tenere udienze sul caso.

Nel frattempo, i funzionari della DEA lo scorso anno hanno chiarito alle autorità di regolamentazione che un cannabinoide psicoattivo sempre più popolare noto come delta-8 THC non è una sostanza controllata ai sensi della legge esistente.
Funzionari dell'agenzia hanno affermato che solo i prodotti contenenti più dello 0,3 percento delta-9 THC - il cannabinoide inebriante più noto - sono monitorati, ma il Farm Bill del 2018 che legalizza la canapa non vieta esplicitamente gli isomeri del THC.

Accesso alla psilocibina

Separatamente, un gruppo bipartisan di membri del Congresso ha inviato una lettera alla DEA a gennaio, esortando l'agenzia a consentire ai malati terminali l'accesso alla psilocibina. I legislatori hanno affermato che la DEA "impedisce l'accesso alla psilocibina per uso terapeutico in conformità con la lettera e le leggi sul diritto di provare (RTT)".

Il Congresso e 41 stati hanno approvato leggi per provare che consentono ai pazienti con malattie terminali di provare farmaci sperimentali che non sono approvati per uso generale. I legislatori hanno affermato che la DEA "non ha rispettato" la legge.

La DEA ha aumentato le quote di produzione di alcune sostanze psichedeliche come la psilocibina nel tentativo di far avanzare la ricerca, ma le decisioni di pianificazione rappresentano ancora ostacoli per gli scienziati, un punto ripetutamente menzionato dal capo del National Institute on Drug Abuse.

Lees più op marijunanamoment.net (Fonte, EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento