Casa la Cannabis Diserbare le suore con la missione di guarire

Diserbare le suore con la missione di guarire

porta drugsinc

Diserbare le suore con la missione di guarire

"La loro missione e il loro attivismo hanno contribuito al modo in cui la società vede la cultura della cannabis e ha aiutato molti a connettersi spiritualmente e ad essere liberi dal dolore".

Il ritmo di boom economici e battute d'arresto spesso agiscono come momenti che cambiano la vita di società e individui, quasi come un pulsante di riavvio che respira una nuova vita e uno scopo. Quando il Financial Crash del 2008 prese possesso degli Stati Uniti, un ex consulente finanziario prese la decisione di indossare una non-tuta e scese in strada per unirsi al movimento Occupy. Fu allora che Christine Meeusen iniziò il suo viaggio per diventare suor Kate, e in seguito iniziò il rivoluzionario impero di guarigione della cannabis noto come Sisters of the Valley.

Ho indossato un abbigliamento diverso e ho iniziato a protestare, e il movimento ha iniziato a chiamarmi "Sister Occupy".

Dieci anni dopo, il viaggio di Meeusen si è trasformato in un "movimento attivista con la missione di consentire alle persone di guarire se stesse", spiega la fotografa culturale Soraya Matos.

"Un'immagine dice più di diecimila parole", disse una volta Fred R. Barnard di Printers 'Ink. A quanto pare, anche una foto può raccontare mille storie: le Sorelle della Valle è il racconto di una stravagante meraviglia.

Rientro negli Stati Uniti dopo 10 anni ad Amsterdam

Dopo aver vissuto ad Amsterdam per 10 anni, Meeusen è tornato negli Stati Uniti con tre figli, perché l'economia stava mostrando segni di sgretolamento. Infuriata per i salvataggi e la decisione del Congresso degli Stati Uniti di classificare la pizza come verdura, si sentì in dovere di fare una dichiarazione politica.

'Se la pizza era una verdura, io ero una suora. Così ho indossato un abbigliamento diverso e ho iniziato a protestare, e il movimento mi ha chiamato "Sister Occupy" ", ha spiegato al fotografo Matos. Durante questo periodo, voleva anche avviare una società di cannabis medica che cancellasse lo stigma negativo che circondava la pianta e unì le donne che credevano nei poteri curativi della cannabis. È nata la sorella Kate.

L'inizio di una compagnia di marijuana per i poteri curativi della cannabis

Suo fratello la convinse a trasferirsi con lui nella Central Valley e ad avviare un'attività di marijuana medica. Dopo aver usato la marijuana per aiutare sua cugina a riprendersi dalla dipendenza da eroina, è stata costretta a diffondere il messaggio di guarigione della marijuana.

Armata di 12 piante, ha iniziato nel 2011 Sorelle della Valle nella contea di Merced, in California. Una raccolta di donne che la pensano allo stesso modo si sono riunite per la visione. Matos ci ha detto che la sorella Darcy Johnson è stata la prossima, a lanciare hamburger a una cena Jack In The Box mentre frequentava un college vicino alla sua casa nello stato di Washington. A quel tempo, coltivava piante di cannabis nel suo cortile.

Un amico comune ha collegato la coppia per telefono. Immediatamente convinta, la sorella Darcy si trasferì nell'altro stato per diventare partner delle Sorelle della Valle. Seguì la sorella dell'Oregon Sydney. Nel corso degli anni, il team è cresciuto fino a diventare sorellastra per le donne che si sono aggrappate a un programma di guarigione. Finora, i loro poteri di guarigione e il modello di business della cannabis li hanno aiutati a combattere ed espandere esponenzialmente il governo locale.

"Come non incuriosirsi di un gruppo di donne, vestite con abiti da suore, che esaltano il mondo del potere curativo della cannabis?"

Le Sisters of the Valley vivono in una modesta "abbazia" con tre camere da letto alla periferia di Merced, in California. Le loro piante di cannabis sono nel loro cortile. Conosciute anche come le "monache dell'erba", si descrivono come "suore progressiste della nuova era".

Matos ci dice che la loro "visione è quella di creare una sorellanza mondiale in cui gli altri possano vedere queste donne in abiti bianchi e viola come guaritrici che hanno accesso a medicine naturali a base di cannabis".

Nessuna religione specifica, ma sorellanza

Sebbene non siano impegnati in nessuna religione specifica, seguono i cinque elementi della sorellanza. Queste sono: "Viviamo insieme, indossiamo gli stessi vestiti, facciamo voto di obbedienza ai cicli lunari, facciamo voto di castità (che non pensiamo richieda il celibato) e voto di ecologia, cioè. una promessa di non fare del male mentre prendi le medicine ”, hanno spiegato.

La sorella Kate dice che non ha mai voluto ingannare le persone facendole pensare che fosse una suora "vera", ma le piaceva il modo in cui le sue abitudini cambiavano il modo in cui le persone interagivano con lei, la cercavano e le parlavano dei loro problemi .

“Quando ho sentito parlare per la prima volta delle Sisters of the Valley, sono rimasto immediatamente incuriosito”, continua Matos, “Come non essere curioso di un gruppo di donne vestite di bianco e viola, che migliorano il mondo della cannabis curativa? " Dice che le suore "appartengono a un ordine altamente specializzato e dedicato, dedito alla coltivazione della cannabis e al suo utilizzo per creare unguenti, tinture e oli per i malati e la loro guarigione".

Sono persone cordiali e accoglienti con la missione di cambiare il modo in cui la società vede la cultura della cannabis. Il loro attivismo ha aiutato molte persone a connettersi spiritualmente con esso, liberando allo stesso tempo i loro pazienti dal dolore. Vai al loro sito Web e troverai olio vegetale puro ad alto contenuto di BD, sapone sacro infuso di CBD, tintura infusa di olio, unguento topico, stick di salvia, tintura di CBD e spray alla salvia sclarea per citarne alcuni.

Sono “zelanti guaritori e attraversano la loro vita quotidiana come tutti gli altri

Matos dice che le suore "assomigliano agli alchimisti della vecchia scuola, sfidando tutti gli stereotipi visivi dello stoner o del coltivatore di marijuana fuorilegge". Cucinare olio dorato in pentole di terracotta e la cura pia delle loro piante medicinali: il loro prodotto aiuta le persone con sintomi di malattie terminali come cancro, disturbi da immunodeficienza, medici di guerra PTSD, oltre ad aiutare la persona media con mal di testa.

Nel 2018, le loro storie e prove sono diventate il fulcro del documentario di Rob Ryan Breaking Habits. Ne consegue il presunto "sogno americano della sorella Kate" quando ha scoperto il lucroso commercio di marijuana medica e coltivazione di cannabis. I media li hanno descritti come "esseri divini", ma Matos spiega che questo non è un ritratto onesto delle suore. Dice che sono "guaritori diligenti e attraversano la loro vita quotidiana come tutti gli altri".

Le dimostrazioni contro la lotta alla recessione del 2008 e alla crisi economica hanno giocato un ruolo chiave nella loro esistenza, fino ad oggi continuano a protestare e protestare contro l'ingiustizia nel loro tempo a disposizione. Le sorelle della valle rappresentano una nuova ondata di pionieri della cultura della cannabis che si oppongono alle storie a volte negative che circondano la pianta, continuando a sostenere come la cannabis possa avere un impatto positivo sul corpo umano.

Fonti tra cui ABC (EN), GanjaPreneur (EN), Cifre (EN), Sisters OfThe Valley (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento