Casa la Cannabis Gli scienziati coltivano polvere di cannabis super potente

Gli scienziati coltivano polvere di cannabis super potente

porta Ties Inc.

cima di cannabis

La società biotecnologica israeliana BioHarvest afferma di aver coltivato un composto che contiene tutti i principi attivi della cannabis. Sarebbe 12 volte più potente e anche molto più ecologico rispetto alla coltivazione di piante normali.

La società annuncia l'invenzione come una svolta canapa più economico e più rispettoso dell'ambiente, perché non richiede quasi la stessa quantità di acqua o fertilizzante. Ilan Sobel, CEO di BioHarvest: "Li 'coltiviamo' in enormi bioreattori in sole tre settimane, mentre la cannabis normale richiede dalle 14 alle 23 settimane. La nostra tecnologia può anche aumentare notevolmente i livelli di principi attivi, in percentuale in peso, rispetto a quanto normalmente si trova nella pianta”.

Composizione della cannabis

"Modificando le condizioni specifiche a cui sono esposte le cellule, possiamo creare diverse composizioni desiderate di principi attivi, il che significa che possiamo mettere a punto i diversi cannabinoidi [composti]", ha detto Sobel al Times of Israel.

Inoltre, non richiede alcuna modifica genetica e replica perfettamente tutti i composti di CBD, THC e cannabinoidi minori che si trovano nell'erba coltivata naturalmente. Inoltre, secondo i calcoli di BioHarvest, ci vuole molta meno acqua e il 90% di spazio in meno per produrre la stessa quantità rispetto alle piante normali.

La società ha richiesto licenze per vendere il prodotto negli Stati Uniti e in Israele per scopi medici. La domanda, ovviamente, è se la sostanza sia approvata e se le persone vogliano effettivamente provarla. BioHarvest afferma che la sua sostanza può essere fumata, assunta sotto forma di pillole o gocce o utilizzata in gomme da masticare. BioHarvest prevede anche di testare i suoi prodotti nello spazio, dopo aver collaborato con l'astronauta canadese in pensione Chris Hadfield.

Fonte: futurism.com (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento