Casa la Cannabis I benefici della cannabis. Ad esempio, come li spieghi a tua nonna?

I benefici della cannabis. Ad esempio, come li spieghi a tua nonna?

porta drugsinc

I benefici della cannabis. Ad esempio, come li spieghi a tua nonna?

Sono ancora necessari studi futuri, ma qui ci sono alcuni spunti utili.

Non importa quanto sia alla moda la cannabis oggi, ci sono ancora molte idee sbagliate. La Quinnipiac University negli Stati Uniti lo ha fatto lo scorso marzo un sondaggio sulla "Marijuana legalizzata". Molte generazioni come le generazioni Z, X e i cosiddetti Millennials sembrano essere a favore della marijuana legalizzata, mentre i baby boomer sono divisi. Gli anziani adulti sopra i 65 anni di solito dicono: "No grazie, nessun interesse".

Più supporto se il medico prescriveva cannabis

Ciò che è interessante, tuttavia, è che quasi tutti i partecipanti al sondaggio hanno affermato che sosterrebbero l'uso legale della marijuana medica come opzione di trattamento se il loro medico lo prescrive.

E davvero un rapporto di 2016 dall'International Center for Science in Drug Policy ha scoperto che l'uso permanente della cannabis comportava un basso rischio di dipendenza e solo il nove percento delle persone intervistate.

Altri dati suggeriscono che la cannabis può contribuire a un basso rischio di sviluppare danni cardiaci fatali, diminuzione del QI o schizofrenia, e alcuni studi hanno scoperto che la cannabis ha benefici nel ridurre il dolore cronico, i sintomi motori e non motori Morbo di Parkinson, fibromialgia, endometriosi, cistite interstiziale e persino alcuni tumori.

Gli anziani di oggi, come la nonna, non vogliono saperlo

Menziona la cannabis alla nonna media e probabilmente avrà un'espressione preoccupata quando ritrae stereotipi e tossicodipendenti. Certo, sono necessarie ulteriori ricerche scientifiche per comprendere i suoi potenziali usi medici, ma nel frattempo gli scienziati continuano a sviluppare trattamenti a base di cannabis supportati da ricerche mediche legittime.

OWC Pharmaceutical Corp. Dott. Oron Yacoby Zeevi, Direttore Scientifico, ha più di 20 anni di vasta esperienza nel settore biofarmaceutico ed è affascinato dal potere curativo della cannabis, in particolare dal suo potenziale nel trattamento di malattie multifattoriali complesse.

Tuttavia, ritiene che ci siano troppe aziende oggi che cercano di trasformare il mondo della cannabis e che l'unico modo in cui la comunità scientifica farà una differenza significativa nella vita dei pazienti sarà lavorare insieme e fornire risultati. Condividere.

Non a tutti piace fumare cannabis

Un ostacolo è che non tutti sono disposti a fumare cannabis, anche se è solo per scopi medici. Le soluzioni per fumare sono spesso stigmatizzate e, insieme alla paura di sballarsi, possono essere la ragione per cui così tante persone scelgono di stare alla larga dalla cannabis.

Ma ci sono alcune alternative. La vaporizzazione fornisce un'esperienza di cannabis senza fumo prodotta riscaldando la pianta a una temperatura in cui i principi attivi vengono rilasciati come - come suggerisce il nome - un vapore meno aggressivo e meno profumato. La vaporizzazione può anche danneggiare l'inalazione di tossine nel fumo di marijuana ridurre drasticamente.

I commestibili - sotto forma di cioccolatini, caramelle gommose e altri rinfreschi - sono un altro modo per evitare di fumare cannabis. Tuttavia, questo metodo richiede più pazienza a causa del processo digestivo e può anche avere effetti psicoattivi più intensi.

E poi c'è il CBD (cannabidiolo), un ingrediente chiave della marijuana che è stato isolato con successo dal Dr. Rafael Mechoulam negli anni '60. Non ti fa sballare e non ha effetti allucinogeni, ma è sempre più citato come fonte di sollievo dal dolore e dall'ansia. È disponibile in molte forme diverse, tra cui pillole, oli, balsami, vaporizzatori e edibili.

Un'alternativa: cannabis in compresse

Un'ulteriore alternativa è stata recentemente sviluppata dal team del Dr. Oron Zeevi presso OWC, quello un tablet per sublinguale uso a base di cannabis che è attualmente in fase di test in una sperimentazione clinica da parte del Tel Aviv Sourasky Medical Center Fund.

La compressa è progettata per essere assorbita sotto la lingua, consentendo ai cannabinoidi a dosi specifiche di entrare nel sangue più velocemente e fornire un rapido sollievo dal dolore, essenzialmente simile, ad esempio, a un Advil tutto naturale.

Sei ancora controverso?

Sebbene la cannabis sativa sia una delle piante coltivate più alte del mondo, il suo uso medicinale rimane controverso. Per questo motivo, è importante capire i progressi compiuti dalla comunità scientifica, perché quello che era un tabù è improvvisamente molto popolare, forse anche presto con la nonna.

Ulteriori informazioni sull'imprenditore (EN, Bron) e Heretohelp (EN, Bron)

Articoli correlati

Lascia un Commento