Vai al contenuto principale
Menu
I presunti benefici di un divieto di droga

I presunti benefici di un divieto di droga

Serie di messaggi: Colonna - Kaj Hollemans (KHLA)
Diffondi l'amore ✌🏼

Negli ultimi mesi, il governo ha lanciato due proposte per portare fondi che sono ancora legali sotto il funzionamento dell'Opium Act. Nel 2019 dicembre annunciato Il segretario di stato Blokhuis (VWS) indica che sta lavorando a un divieto op protossido di azoto per uso ricreativo inserendolo nell'elenco II della legge sull'oppio ed è uscito nel marzo 2020 un conto in consultazione, che consente di vietare i gruppi di sostanze. Con questa proposta, interi gruppi di farmaci di design saranno presto inseriti nella (nuova) lista Ia dell'Opium Act. "Il Segretario di Stato Blokhuis e il Ministro Grapperhaus mirano sia a proteggere la salute pubblica sia a contrastare la produzione e il commercio di queste sostanze".

Ovviamente, gli imprenditori che commerciano legalmente con gas esilaranti o droghe firmate sono contrari al divieto. Ciò non solo rende impossibile il commercio, ma indicano anche gli svantaggi di un divieto. Numerosi imprenditori si sono uniti per contrastare le proposte del gabinetto. Trovano varie alternative a un divieto.

gas esilarante

In risposta all'annuncio del divieto del gas ridente, il BVLL (Associazione industriale dei fornitori di protossido di azoto) ha redatto un codice di condotta per orientare la distribuzione e la vendita di protossido di azoto nella giusta direzione. Questo codice di condotta deve ripristinare la fiducia nel settore e ridurre l'immagine negativa del settore. Il codice di condotta contiene regole, come un'età minima di vendita di 18 anni, un marchio di qualità per imprenditori in buona fede e maggiore attenzione alle informazioni e alla prevenzione. Secondo la BVLL, questa forma di autoregolazione è una buona alternativa al divieto di ridere del gas. In un lettera al segretario di stato Blokhuis (VWS) ha chiesto all'associazione industriale di prendere nota del codice di condotta e di consultare il settore nel prossimo futuro.

De risposta del Sottosegretario di Stato non tardò ad arrivare. Non è favorevole alla proposta della BVLL e si attiene al divieto di ridere del gas che ha annunciato in precedenza, anche se non vi è maggioranza per un divieto alla Camera dei rappresentanti. Il Sottosegretario di Stato fa riferimento al parere del Punto di coordinamento Valutazione e monitoraggio nuovi farmaci sulla nocività del gas esilarante di novembre 2019. È interessante notare che questo consiglio afferma che “il collocamento nell'ambito della legge sull'oppio sembra essere una misura complessa per raggiungere gli obiettivi della lotta contro l'uso eccessivo e della lotta contro l'uso tra i giovani. aumentare il coinvolgimento criminale ", ha affermato il comitato.

Il Comitato vede di più nel limitare la fornitura di protossido di azoto. Il comitato sta pensando di stabilire un formato di imballaggio limitato e la conformità alle normative CLP e REACH. Inoltre, il comitato considera "una grande importanza nel fornire informazioni e adottare misure preventive".

Con redazione il codice di condotta la BVLL è conforme alle raccomandazioni della valutazione del punto di coordinamento e al monitoraggio di nuovi farmaci. Tuttavia, il segretario di Stato Blokhuis continua sulla strada scelta e rifiuta di consultare il settore.

"È chiaro che non stiamo andando per l'autoregolamentazione e che i commercianti nell'uso ricreativo non sono coinvolti nell'elaborazione".

Penso che sia estremamente dannoso per un ministro credere che dovrebbe rispondere in questo modo. Il settore si è unito e ha assunto la propria responsabilità seguendo le raccomandazioni del comitato consultivo del Consiglio dei Ministri. In risposta, il Consiglio dei Ministri si attiene a un divieto che è difficile da applicare e, inoltre, condurrà alla vendita incontrollabile di protossido di azoto dal circuito normale.

Divieto di gruppi di sostanze

In totale, ci sono state 133 risposte al disegno di legge per modificare la legge sull'oppio a causa di nuove sostanze psicoattive sottoposto a consultazione nel marzo 2020. Le reazioni dell'Associazione nazionale olandese di prodotti intelligenti di consultazione (VLOS), a partire dal KH Consulenza legale a nome degli importatori e distributori comuni di sostanze psicoattive, del Ordine degli avvocati olandese e di Mondrian e Jellinek tutti hanno più o meno lo stesso messaggio. Il divieto del gruppo di sostanze è una misura sproporzionata. Un divieto di un gruppo di sostanze proibisce anche le sostanze che non hanno un effetto psicoattivo, che non sono dannose per la salute o addirittura hanno un effetto benefico. Ciò include medicinali, integratori alimentari e componenti nutrizionali. La nocività di queste sostanze non è stata dimostrata, il che rende impossibile metterle sotto la legge sull'oppio. La proposta viola il principio di legalità, poiché non è chiaro quali mezzi rientreranno nell'ambito di applicazione della legge sull'oppio. Le esperienze con altri divieti di gruppi di sostanze (incluso nel Regno Unito e in Polonia) dimostrano che l'introduzione del divieto di un gruppo di sostanze ha un effetto inverso e non contribuisce alla protezione della salute pubblica. Un divieto del gruppo di sostanze porta a un maggiore uso di droghe, a più incidenti e a un maggiore traffico illegale di droghe.

Nel 2012, RIVM ha messo in guardia da ciò nel rapporto "Vantaggi e svantaggi della criminalizzazione generica di nuove sostanze psicoattive". Tuttavia, come nel caso del rapporto RIVM sull'ossido nitroso, il Consiglio dei Ministri preferisce mettere da parte questo rapporto. Apparentemente il governo presume che nessuno leggerà questi rapporti e certamente non che nessuno adotterà le raccomandazioni in esso contenute. Le relazioni servono solo come base cosmetica per un divieto, che il governo aveva già deciso. Nei Paesi Bassi non esiste una politica sulle droghe basata sull'evidenza, ma parzialità.

La regolamentazione è meglio che proibire, secondo tutti i tipi ricerca scientifica, ma l'unico risultato del governo per ottenere qualcosa in quello spirito è rimasto fermo per mesi, come dimostra la totale mancanza di progressi che circonda l'esperimento sulla cannabis. Più "Informazione corrente risale al dicembre 2019. I comuni coinvolti ora lo considerano quasi impossibile che durante questo periodo di gabinetto verrà avviato l'esperimento delle infestanti.

Stabilire un sistema ben funzionante, che regola la vendita e la distribuzione di determinate risorse, è anche molto più difficile che vietarle. Forse il governo preferisce quindi un divieto. Signori politici preferirebbero essere pigri piuttosto che stanchi. Perché preoccuparsi di regolamentare le risorse che non usi tu stesso se puoi anche vietarle?

Vantaggi di un divieto?

Il governo non sembra voler capire che la domanda non diminuirà se alcune sostanze saranno vietate. I vantaggi di un divieto di gas esilaranti e di farmaci di design non mi sono del tutto chiari. Un divieto ha perso la possibilità di una distribuzione sicura e responsabile di queste risorse. Il divieto di queste risorse è a carico dell'occupazione e delle entrate fiscali. Un divieto di queste sostanze porta all'introduzione di nuove sostanze più pericolose, che vengono vendute senza alcun controllo sull'età, sulla qualità o sull'origine. Il divieto di questi mezzi porta ad un aumento dell'uso della polizia e della magistratura e quindi a costi elevati per la società. Il divieto di questi mezzi porta ad una criminalizzazione sempre crescente del consumatore. Un divieto di queste droghe porta a un maggiore uso di droghe, a più incidenti e al traffico di droga più illegale. Il divieto di queste sostanze non contribuisce alla protezione della salute pubblica. Ed era esattamente di questo che si trattava.

Questo messaggio ha una risposta 1
  1. Pezzo eccellente.
    Ho cercato attivamente di fermare questa legge per qualche tempo. Più persone se ne preoccupano, meglio è.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Torna in alto