Casa la Cannabis Studio: i prodotti a base di cannabis mostrano una riduzione del dolore cronico

Studio: i prodotti a base di cannabis mostrano una riduzione del dolore cronico

porta Ties Inc.

2022-06-07-I prodotti correlati alla cannabis mostrano una riduzione del dolore cronico

Stati Uniti - Le prove dell'efficacia dei prodotti correlati alla cannabis per il trattamento del dolore cronico sono finora fragili. Secondo una nuova revisione scientifica sistematica dei ricercatori dell'Oregon Health & Science University, i prodotti con alti livelli di THC possono aiutare a trattare il dolore neuropatico.

I ricercatori hanno trovato prove per un beneficio a breve termine nel trattamento del dolore neuropatico – causato da danni ai nervi periferici, come la neuropatia diabetica che provoca dolore descritto come bruciore e formicolio. Lo studio ha coinvolto prodotti contenenti il ​​100% di THC: dronabinol (Marinol) e nabilone (Cesamet).

Entrambi i prodotti portano anche a notevoli effetti collaterali, tra cui sedazione e vertigini, secondo la recensione.
Un altro prodotto, uno spray sublinguale di parti uguali di THC e cannabidiolo (CBD) estratto dalla pianta di cannabis – noto come nabiximols – ha mostrato anche prove di alcuni benefici clinici per il dolore neuropatico, sebbene quel prodotto non sia disponibile negli Stati Uniti.

Poche prove concrete per l'effetto dei prodotti a base di cannabis

"Nel complesso, la quantità limitata di prove ci ha sorpreso tutti", ha affermato l'autore principale Marian S. McDonagh, Pharm.D., professore emerito di informatica medica ed epidemiologia clinica presso la OHSU School of Medicine. “Con così tanto clamore sui prodotti correlati alla cannabis e la pronta disponibilità di marijuana ricreativa e medicinale in molti stati, consumatori e pazienti potrebbero presumere che ci sarebbero più prove sui suoi benefici ed effetti collaterali.

“Purtroppo, ci sono pochissime ricerche scientificamente valide sulla maggior parte di questi prodotti. Abbiamo visto solo un piccolo gruppo di studi di coorte osservazionali sui prodotti a base di cannabis che sarebbero stati prontamente disponibili negli stati che lo consentono. Questi non sono stati progettati per rispondere alle domande importanti sulla gestione del dolore cronico".

Gli elettori in Oregon, Washington e altri 20 stati hanno legalizzato la marijuana medica e ricreativa, ma i ricercatori hanno scoperto che molti dei prodotti ora disponibili nei dispensari statunitensi non sono stati adeguatamente studiati. “Per alcuni prodotti a base di cannabis, i dati sono scarsi con stime imprecise degli effetti. Gli studi a volte presentavano limiti metodologici", scrivono gli autori.

"I prodotti a base di cannabis variano un po' nella loro composizione chimica e questo può avere importanti benefici ed effetti dannosi per i pazienti", ha affermato il coautore Roger Chou, MD, direttore del Centro di pratica basato sull'evidenza del Pacifico nord-occidentale dell'OHSU. “Ciò rende difficile per pazienti e medici, perché le prove per un prodotto a base di cannabis potrebbero non essere le stesse per un altro.

Fonte: neuroscienzanews.com (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento