Casa CBD L'UE potrebbe potenzialmente designare alimenti a base di CBD come narcotici (sì, hai letto bene)

L'UE potrebbe potenzialmente designare alimenti a base di CBD come narcotici (sì, hai letto bene)

porta drugsinc

L'UE potrebbe iniziare a designare gli alimenti a base di CBD come narcotici (sì, avete letto bene)

Poiché si tratta solo di nuovi alimenti, potrebbe non influire sul CBD in altri tipi di prodotti, come i cosmetici.

La mania per il cannabidiolo (CBD) derivato dalla canapa si estende oltre gli Stati Uniti e l'Europa. Molto è stato scritto sulla differenza tra il modo in cui l'Unione Europea (UE) regola la CBD rispetto agli Stati Uniti. Tutto ciò potrebbe cambiare una volta che l'UE prenderà in considerazione nuove leggi per i prodotti CBD.

Per alcune informazioni, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare ("EFSA") ha precedentemente classificato il CBD come "nuovo alimento(Novel food). Un "nuovo alimento" è "un alimento che non è stato utilizzato per il consumo umano nell'Unione in misura significativa prima del 15 maggio 1997, indipendentemente dalle date di adesione degli Stati membri all'Unione". In base alle normative dell'UE, chiunque desideri vendere alimenti contenenti un "nuovo alimento" deve prima ottenere un permesso dall'EFSA.

Direttive UE attraverso una pletora di diversi cannabinoidi ha suggerito che gli alimenti contenenti cannabinoidi della canapa (e non solo del CBD) fossero considerati nuovi alimenti, poiché non ci sono prove che fossero consumati prima della data del 1997. Se qualcosa è etichettato come un nuovo alimento, sono necessarie alcune approvazioni normative per commercializzarlo. Inutile dire che questo è probabilmente un processo lungo.

A metà luglio 2020, è stato segnalato che l'UE ha interrotto nuove registrazioni alimentari per alimenti contenenti CBD e sembra stia prendendo in considerazione l'idea di designare tali alimenti contenenti CBD come narcotici. E qui abbiamo effettivamente pensato che la politica americana sul CBD negli alimenti fosse già bizzarra.

Secondo i rapporti, l'UE ha informato tutti e circa 50 i richiedenti di nuovi alimenti a base di CBD e li ha incaricati di fornire un feedback sull'opportunità di classificare le sostanze come sostanze stupefacenti. Ciò è particolarmente vero per i prodotti a base di CBD presenti in natura e, secondo quanto riferito, un portavoce dell'UE ha osservato che è ancora possibile presentare richieste di prodotti con CBD di sintesi. Poiché ciò riguarda solo i nuovi alimenti, potrebbe non avere un effetto sul CBD in altri tipi di prodotti, come i cosmetici.

Immaginiamo che i candidati sfideranno questo recente cambiamento della posizione dell'UE, con rapporti secondo cui l'Associazione europea della canapa industriale ha già esercitato forti pressioni contro di essa. Solo il tempo dirà se l'UE sta cercando di etichettare o regolare le gummie del CBD come narcotici, con gli americani che sperano, nel frattempo, che i regolamenti tanto attesi dalla FDA non vadano allo stesso modo.

Le fonti includono la canapa giornaliera (EN), Solo cibo (EN), TheFreshToast(EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento