Casa resto Cannabis come alternativa agli oppioidi contro il dolore cronico

Cannabis come alternativa agli oppioidi contro il dolore cronico

porta Ties Inc.

2019-11-30-La cannabis come alternativa agli oppioidi per il dolore cronico

Una nuova ricerca dell'Università della British Columbia e del British Columbia Center on Substance Use suggerisce che l'uso quotidiano di cannabis può essere un'efficace alternativa agli oppioidi per le persone che soffrono di dolore cronico.

I ricercatori hanno intervistato più di 1.100 persone con dolore cronico e hanno scoperto che coloro che fanno uso di cannabis su base giornaliera hanno la metà delle probabilità di utilizzare oppioidi illegali. I pericoli degli oppioidi e la loro dipendenza stanno diventando sempre più chiari. In Canada e in America vengono segnalati sempre più decessi per overdose di oppioidi.

Tuttavia, lo studio non mostra che tutti i partecipanti allo studio usassero oppioidi per alleviare il dolore. Ricerche precedenti suggeriscono che gli oppioidi ottenuti illegalmente sono ampiamente usati per trattare il dolore cronico.

Cannabis come medicina

"Abbiamo studi su pazienti con cannabis terapeutica in California e negli Stati Uniti che dimostrano che molti pazienti possono ridurre l'uso di oppioidi utilizzando la cannabis", ha detto il ricercatore Michael John Milloy del British Columbia Center on Substance Use. "Questa nuova ricerca è davvero un progresso, perché si tratta di dati di individui che confrontano i consumatori di cannabis con i non consumatori". Tuttavia, passare alla cannabis come medicinale è tutt'altro che facile, perché la cannabis medicinale sicura non è sempre accessibile a tutti.

Sebbene la legalizzazione della cannabis - medica e ricreativa - in Canada e in alcune parti dell'America lo renda più semplice, a volte non è accessibile a tutti a causa delle normative governative e dei severi requisiti di qualità. Gli oppioidi non possono essere completamente evitati. Ci saranno sempre persone che non vorranno usare cannabis medicinale o che non avranno l'effetto desiderato sulla cannabis medicinale.

theglobeandmail.com (Fonte e)

Articoli correlati

Lascia un Commento