Casa la Cannabis Rapporto: domanda di prodotti a base di cannabis per dormire fino al 635% dalla pandemia

Rapporto: domanda di prodotti a base di cannabis per dormire fino al 635% dalla pandemia

porta drugsinc

Rapporto: domanda di prodotti a base di cannabis per dormire fino al 635% dalla pandemia

Stati Uniti d'America - Un nuovo rapporto mostra che le vendite e la domanda di prodotti a base di cannabis per dormire sono aumentate del 635% dall'inizio della pandemia.

Dall'inizio della pandemia di coronavirus, la piattaforma di vendita al dettaglio e consegna della California Ganja Goddess ha visto un aumento del 635% delle vendite di prodotti a base di cannabis per il sonno che vengono anche commercializzati per supportare il sonno, mentre l'azienda nel suo complesso ha registrato un aumento del 100% su base annua. -anno di crescita.

Inoltre, l'azienda ha registrato un aumento delle vendite del 275% 4 / 20 o il 20 aprile 2020, il giorno più importante per le vendite di cannabis e un aumento del 200% delle vendite il Cyber ​​Monday, il secondo giorno più grande per le vendite online e le consegne.

Cambiamento durante COVID-19 per far dormire i prodotti a base di cannabis

Zachary Pitts, CEO di Ganja Goddess, ha affermato durante la pandemia che essere in grado di ordinare e consegnare rapidamente "è diventata una forza vitale nel settore".

Cambiamento durante COVID-19 per far dormire i prodotti a base di cannabis
Cambiamento durante COVID-19 per far dormire i prodotti a base di cannabis (AFB.)

Negli Stati Uniti, sia la cannabis medicinale che quella ricreativa erano considerate servizi essenziali, ma erano soggette a restrizioni sulle vendite personali e dovevano esserlo COVID-19 passare alla consegna o al ritiro sul marciapiede.

“In un anno difficile, abbiamo assistito a un aumento del numero di consumatori che effettuano ordini di prodotti a base di cannabis commercializzati per aiutare con problemi di sonno. Ciò evidenzia uno dei tanti problemi di salute che gli americani devono affrontare durante la pandemia. La necessità fondamentale per la consegna della cannabis rimane senza precedenti. Mentre le sfide della pandemia continuano, ci impegniamo a soddisfare le crescenti esigenze dei consumatori di cannabis e dei pazienti in tutta la California ".

Dall'annuncio della pandemia nel marzo dello scorso anno si sono verificati altri cambiamenti più ampi dei consumatori. Un sondaggio Harris Poll commissionato dalla società di cannabis Curaleaf ha rilevato che il 45% degli intervistati ha ridotto o sostituito il proprio consumo di alcol con la cannabis dall'inizio della pandemia.

Fonti tra cui GanjaPreneur (collegamento), PRNewsWire (collegamento), Parola d'Occidente (collegamento)

Articoli correlati

Lascia un Commento