Casa farmaci La guerra alla droga non funziona. Eppure una nuova legge sulla droga sta arrivando.

La guerra alla droga non funziona. Eppure una nuova legge sulla droga sta arrivando.

porta Ties Inc.

test sulla cocaina

Paesi Bassi - dal signor Kaj Hollemans (KH consulenza legale) (colonne Khla).

Secondo il sindaco Femke Halsema, dobbiamo fatti Ammettilo: la Guerra alla Droga non funziona. Sostiene un approccio diverso: legalizzare e regolamentare rigorosamente la vendita di cocaina e altre droghe. Questa è una dichiarazione coraggiosa. In primo luogo, perché il sindaco ha fatto questa dichiarazione durante un congresso con alcuni ministri europei sulla criminalità organizzata. Il congresso è stato organizzato dal ministro della Giustizia Dylan Yeşilgöz alla presenza di ministri provenienti da Belgio, Francia, Germania, Italia e Spagna. In secondo luogo, perché ha fatto questa dichiarazione come sindaco della capitale dei Paesi Bassi. Un segnale forte per un pubblico difficile.

In precedenza, erano sempre gli ex sindaci o ex presidenti a riconoscere il fallimento della Guerra alla Droga. Quel quadro ora sta cambiando. L'attuale presidente della Colombia, Gustavo Preto, chiede la legalizzazione della cocaina. Il governo colombiano lo è piano introdurre una legislazione per depenalizzare la cocaina e la cannabis.

Legalizzando e regolamentando la vendita di cocaina, il governo colombiano mira a tenere il redditizio mercato della droga lontano da gruppi armati e cartelli. L'attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato una revisione delle politiche sulla cannabis, la grazia per precedenti condanne per possesso di cannabis e una rivalutazione della classificazione della cannabis. Sono passi nella giusta direzione, di grande valore simbolico. Negli Stati Uniti, la cannabis è ora nella stessa lista (Tabella I) dell'eroina.

Mentre la richiesta internazionale di legalizzare e regolamentare lo spaccio di droga si fa sempre più forte, il governo olandese nasconde la testa sotto la sabbia e fa esattamente il contrario. In risposta all'appello del sindaco Halsema, il ministro Yeşilgöz ha annunciato che i ministri avevano deciso insieme di combattere contro farmaci per intensificare. 

Divieto di gruppo di sostanze: cattiva idea

Di recente, il governo ha inviato alla Camera dei rappresentanti una proposta per inserire centinaia di sostanze (che sono ancora legali e di cui non si sa se siano dannose per la salute pubblica) nell'ambito della legge sull'oppio. Se dipenderà dal gabinetto, interi gruppi di sostanze saranno presto banditi per precauzione.

Diverse fazioni ne hanno (giustamente) centinaia domande scritte fatto su questa proposta. Diverse organizzazioni hanno anche attirato l'attenzione sulle conseguenze del divieto dei gruppi di sostanze, noto anche come "nuova legge sulle droghe". In tal modo, hanno evidenziato le conseguenze di questa proposta.

La nuova legge sulla droga si basa sul principio di precauzione. Tale principio è in contrasto con le convenzioni internazionali sulle droghe su cui si basa l'Opium Act. Centinaia di sostanze saranno presto bandite senza prove che siano dannose per la salute o la società. Secondo il governo, è tutt'al più “plausibile” che queste sostanze (spesso ancora) sconosciute possano causare danni alla salute.

Il governo basa il divieto sui gruppi di sostanze su ipotesi e ipotesi che non sono suffragate da fatti o studi scientifici. Infatti, gli studi scientifici disponibili dimostrano che l'introduzione di a divieto di gruppi di sostanze non funziona. Al contrario, porta a un maggiore consumo di droga, più incidenti e più traffico illegale di droga. Un divieto di gruppo di sostanze crea anche seri ostacoli alla ricerca scientifica. Anche il RIVM ha indicato (già nel 2012) che un approccio generico basato su una struttura chimica non è fattibile e ha sconsigliato l'introduzione di un divieto di gruppo di sostanze. Tuttavia, il governo non ha ritenuto necessario chiedere nuovamente al RIVM di indagare sull'opportunità della nuova legge sulle droghe. Apparentemente le persone all'Aia non sono rassicurate sui risultati di un'indagine del genere.

Inoltre, l'introduzione di un divieto di gruppo di sostanze non è proporzionale. Gli NPS sono usati raramente nei Paesi Bassi e ci sono pochi incidenti con NPS. Quindi in realtà non c'è motivo per vietare i gruppi di sostanze, mentre la sua introduzione costa denaro extra e capacità extra per la polizia, il Pubblico Ministero e l'NFI; organizzazioni che già campi con problemi di capacità e carenza di personale. La nuova legge sulla droga sarà presto a scapito di altro criminale indagini, come i crimini sessuali.

La proposta sembra essere principalmente intesa a soddisfare le richieste di assistenza giudiziaria reciproca da altri paesi che hanno già introdotto divieti di gruppi di sostanze, come Germania e Belgio. Il problema è che la legge sull'oppio non è affatto destinata a questo e che in questo modo la politica olandese in materia di droga sarà presto determinata in larga misura dai paesi che ci circondano. 

Arbitrario in violazione dello stato di diritto

Il governo non ha nemmeno un piano chiaro per comunicare ai cittadini il divieto di gruppo di sostanze. La soluzione proposta dal governo è del tutto insufficiente, secondo il Consiglio di Stato. La proposta è quindi in contrasto con il principio di legalità. Questo principio è messo a repentaglio se vengono vietati ampi gruppi di sostanze, senza che sia chiaro quali siano le sostanze contemplate. Deve essere chiaro a un cittadino cosa esattamente è punibile, soprattutto se ci sono sanzioni severe.

La nuova legge sulla droga vieta centinaia di sostanze, consente alle persone di affrontare sanzioni severe, chiude le case (ai sensi del Damocles Act) senza che le persone sospettino di aver fatto qualcosa di sbagliato. In tal modo, il gabinetto apre le porte a un'azione arbitraria e selettiva da parte del governo e questa proposta va contro i principi di base dello stato costituzionale olandese.

Tutto sembra giustificato nella lotta alla droga, ma in una società libera e democratica come quella dei Paesi Bassi, i cittadini hanno diritto alla protezione contro il governo. Lo stato di diritto è una garanzia contro l'abuso di potere e l'arbitrarietà da parte del governo. Una legge non dovrebbe mai andare contro i suoi principi di base. Se il governo lascia andare questo principio, la società si troverà presto ad affrontare una crisi degli oppiacei, insieme a tutte le altre crisi. Ecco perché questo appello ai politici: meglio regolamentare in modo intelligente che vietare stupidamente.

Articoli correlati

Lascia un Commento