La legalizzazione della cannabis potrebbe fruttare 28 miliardi di dollari

porta Squadra Inc.

coltivazione di piante di cannabis

Migliaia di australiani sostengono la legalizzazione della cannabis e quindi il piano dei Verdi che potrebbe generare 28 miliardi di dollari di entrate aggiuntive in nove anni.

Il portavoce di Greens Justice, David Shoebridge, ha consegnato il suo Rapporto sulla legalizzazione della cannabis, dopo 9000 risposte al sondaggio. Il suo prossimo passo è approvare il disegno di legge sulla legalizzazione canapa da presentare al Senato. Forte delle tante reazioni positive. Il modello consentirebbe la crescita domestica e darebbe priorità alla cooperazione e al coinvolgimento delle piccole imprese.

Tassa sulla cannabis

Il disegno di legge introdurrebbe anche un'aliquota fiscale del 15 percento Ufficio parlamentare di bilancio genererebbe 28 miliardi di dollari in nove anni. Gli intervistati hanno indicato che un'aliquota fiscale ragionevole che non fa aumentare i prezzi manterrebbe le persone lontane dal mercato illecito. Il senatore Shoebridge ha affermato che l'ampio sondaggio - in cui quasi tutti gli intervistati hanno sostenuto la legalizzazione dell'erba nonostante circa un quarto la usi attualmente a scopo ricreativo - ha dipinto un quadro chiaro che l'Australia dovrebbe prendere provvedimenti per legalizzare la droga. Shoebridge ha affermato che le numerose risposte hanno rafforzato il disegno di legge, con l'obiettivo principale di essere un modello che fornisca un piano per un accesso sicuro.

“Utilizzando la saggezza collettiva di quasi 10.000 intervistati, sappiamo che i Verdi introdurranno il disegno di legge più popolare ed efficace possibile per legalizzare la cannabis a livello nazionale. Abbiamo apportato miglioramenti all'etichettatura, allo stoccaggio, alla produzione, alla pubblicità, alle sanzioni e altro ancora come risultato di questo processo di consultazione. Non basta depenalizzare la cannabis. La comunità chiede un piano legislativo completo”.

Coltivazione per uso proprio

Le risposte degli intervistati hanno indicato che il fumo non è probabilmente la principale modalità di consumo. I commestibili (commestibili a base di cannabis), gli oli e le tinture hanno ottenuto punteggi alti. “La necessità di poterli fare a casa per uso personale è stata identificata come una carenza nell'attuale politica. Due terzi degli intervistati hanno affermato che un cannabis café sarebbe il luogo ideale per acquistare e consumare la droga.

C'è stato un sostegno schiacciante per rimuovere le principali aziende farmaceutiche, di alcol e tabacco dal mercato della cannabis. Tuttavia, Shoebridge ha osservato che i ruoli delle persone coinvolte nella marijuana medica sono vitali per il lancio di un uso ricreativo della lega. Più della metà degli intervistati ha indicato che avrebbero coltivato in casa se la legge avesse stabilito che potevano coltivare un certo numero di piante per il proprio consumo.

Fonte: www.au.news.yahoo.com (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento

[adrotate banner = "89"]