Casa CBD La maggior parte degli aiuti per dormire al CBD sono etichettati in modo errato

La maggior parte degli aiuti per dormire al CBD sono etichettati in modo errato

porta Ties Inc.

2022-05-04-La maggior parte degli ausili per dormire con CBD sono etichettati erroneamente

Uno studio pubblicato mercoledì mostra che la maggior parte dei prodotti per dormire al CBD sono etichettati erroneamente, con il 60 percento che mostra livelli errati di principi attivi sulla confezione.

La ricerca pubblicata mercoledì dalla fonte di CBD Leafreport mostra che più della metà dei prodotti a base di CBD devia dall'etichetta. I livelli di ingredienti come cannabidiolo (CBD), cannabinolo (CBN) e melatonina differivano di oltre il 10% dall'etichetta.

Olio di cannabis nei sonniferi

La ricerca ha dimostrato che i composti nella cannabis, tra cui CBD e CBN, possono favorire un sonno sano. Ciò ha portato ad un aumento degli ausili per il sonno contenenti cannabinoidi, spesso mescolati con altri integratori, inclusa la melatonina. Ma la ricerca di Leafreport mostra che meno della metà dei prodotti testati è stata etichettata con livelli accurati di principi attivi.

Leafreport è un sito Web basato sulla scienza e sottoposto a revisione paritaria che fornisce ai consumatori informazioni sul CBD. La missione dell'azienda è portare trasparenza all'industria del CBD attraverso contenuti educativi incentrati sul paziente e valutazioni mediche da parte di un team di medici, chimici, nutrizionisti, farmacisti e naturopati.

3 cose da tenere a mente quando si sceglie il CBD

Gal Shapira, product manager di Leafreport, afferma che ci sono tre fattori chiave che i consumatori dovrebbero considerare quando scelgono i prodotti CBD. "La cosa più importante da fare è assicurarsi che il marchio utilizzi un laboratorio di test di terze parti e che i loro certificati di analisi (CoA) siano collegati all'etichettatura del prodotto o almeno chiaramente indicati sul loro sito web", ha scritto Shapira in un e-mail. . "Questi test assicurano che il prodotto non contenga contaminanti dannosi e che il dosaggio sia corretto".

"La seconda cosa da considerare è se un prodotto è definito come isolato, ad ampio spettro o a spettro completo", continua Shapira. “Queste classificazioni sono molto importanti per determinare la presenza di altri cannabinoidi come il THC. Il terzo fattore importante di cui i consumatori dovrebbero essere consapevoli è l'aggiunta di integratori vitaminici e integratori oltre al principio attivo CBD e se sono elencati nei CoA.

Ricerca sui prodotti per il sonno a base di CBD

Per completare lo studio, Leafreport ha acquistato 52 prodotti per dormire al CBD, tra cui caramelle gommose, tinture e capsule. I prodotti sono stati quindi inviati a Infinite Chemical Analysis, un laboratorio di analisi della cannabis accreditato in California, dove sono stati misurati e registrati i livelli di CBD, CBN e melatonina per il confronto con i certificati di analisi forniti dai produttori del prodotto.

"Sebbene siano previste alcune variazioni per i prodotti CBD, dovrebbero comunque rimanere entro livelli ragionevoli. Gli esperti del settore consigliano che i prodotti a base di cannabis dovrebbero avere un contenuto di cannabinoidi entro il 10% dell'etichetta, il che significa che i prodotti CBD accurati dovrebbero contenere tra il 90% e il 110% del contenuto di cannabinoidi pubblicizzato", spiega Leafreport nello studio. "Sebbene la melatonina non sia un cannabinoide, abbiamo anche utilizzato il benchmark del 10% per essere coerenti".

Poco meno della metà dei prodotti conteneva livelli imprecisi di CBN, mentre più della metà riportava livelli imprecisi di CBD. Due dei tre prodotti contenenti melatonina avevano livelli non conformi all'etichettatura. I prodotti contenenti due degli ingredienti testati erano meno accurati di quelli contenenti uno o tutti e tre. Solo il 29% corrispondeva all'etichetta. Dei nove prodotti contenenti tutti e tre gli ingredienti testati, cinque (55,6%) hanno soddisfatto l'etichetta, ma solo uno lo ha fatto per ciascun ingrediente.

Capsule più accurate

I prodotti per dormire al CBD in forma di capsule molto probabilmente avevano livelli accurati di principi attivi. Le capsule hanno superato tutte le categorie di prodotti, con il 50% di corrispondenza con l'etichetta, seguito dal 40% di caramelle gommose e dal 30% di tinture. Dei 32 prodotti pubblicizzati come a spettro ampio o completo, il 25% era etichettato erroneamente.

"Francamente, i risultati di questa ricerca sono scioccanti e continuano a illustrare la necessità di un'industria del CBD più trasparente", ha affermato Shapira in una dichiarazione sull'indagine Leafreport. "I consumatori beneficiano di determinati standard di qualità". Leafreport è qui per aiutare quegli stessi consumatori a prendere decisioni più informate su ciò che mettono nel loro corpo. Consideriamo questo rapporto un servizio essenziale per aiutare i consumatori a garantire che acquistino prodotti che funzionino davvero".

Lees più op Forbes.com (Fonte, EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento