Casa Salute La psilocibina dei funghi magici può alleviare una grave depressione se combinata con la terapia

La psilocibina dei funghi magici può alleviare una grave depressione se combinata con la terapia

porta Ties Inc.

fungo nella foresta

Lo psichedelico che si trova nei funghi magici può aiutare ad alleviare la depressione maggiore se combinato con la psicoterapia.

Quasi un terzo dei pazienti con depressione maggiore è andato in rapida remissione dopo una singola dose di 25 mg psilocibina seguite da sessioni di terapia, che miravano ad aiutare i pazienti a identificare le cause e le possibili soluzioni alla loro depressione, hanno detto i ricercatori.

I risultati del più ampio studio clinico fino ad oggi sulla psilocibina e la depressione sono stati descritti come "eccezionali" dal professor Guy Goodwin, direttore medico di Compass Pathways, l'azienda di salute mentale che ha guidato lo studio, condotto in 22 siti negli Stati Uniti Stati Uniti Regno Unito, Europa e America.

Depressione resistente alla terapia

In tutto il mondo, circa 100 milioni di persone soffrono di depressione resistente al trattamento, definita come un disturbo depressivo maggiore che non ha risposto ad almeno due trattamenti antidepressivi. Circa la metà delle persone colpite non è in grado di svolgere le attività quotidiane di routine.

"I tassi di risposta in questo gruppo con depressione resistente al trattamento sono generalmente compresi tra il 10 e il 20%", ha detto Goodwin. "Stiamo vedendo tassi di remissione dopo tre settimane di circa il 30%... è un risultato molto soddisfacente".
dott. James Rucker, psichiatra nel sud di Londra e Maudsley NHS Foundation Trust, che ha partecipato allo studio al King's College di Londra, ha affermato che la depressione resistente al trattamento pone un onere "sbalorditivo" sui pazienti e su coloro che li circondano, con un costo totale per il Regno Unito di £ 3,9, XNUMX miliardi all'anno.

Lo studio clinico di fase 2b ha reclutato 233 pazienti con depressione resistente ai farmaci e li ha assegnati in modo casuale a una singola capsula da 1 mg, 10 mg o 25 mg di psilocibina sintetica chiamata Comp360. I pazienti hanno ascoltato una playlist rilassante e hanno indossato maschere per dormire per concentrare la loro attenzione verso l'interno per almeno sei ore. Un terapeuta era presente per monitorare i pazienti. I volontari hanno avuto sessioni di terapia il giorno dopo aver ricevuto il farmaco e una settimana dopo.

I risultati pubblicati sul New England Journal of Medicine mostrano che i punteggi della depressione, misurati sulla scala standard della depressione di Montgomery-Åsberg, sono migliorati immediatamente dopo il trattamento in tutti e tre i bracci dello studio.
L'impatto più significativo è stato in coloro che hanno ricevuto la dose più alta di psilocibina di 25 mg. Tre settimane dopo l'assunzione del farmaco, il 29% di questo gruppo era in remissione, rispetto al 9% e all'8% rispettivamente dei gruppi da 10 mg e 1 mg. Dopo 12 settimane, i benefici persistevano in un quinto di quelli nel gruppo ad alto dosaggio, rispetto a uno su 10 nel gruppo a dosaggio più basso.

La psilocibina come medicinale

La psilocibina è il principale ingrediente attivo dei funghi magici. Nel corpo, viene scomposto in una sostanza chiamata psilocina, che rilascia onde di neurotrasmettitori nel cervello. Le scansioni MRI mostrano che l'attività cerebrale diventa più caotica a causa della psilocina, con diverse aree del cervello che parlano tra loro più del solito. "Può sembrare una brutta cosa, ma non lo è", ha detto Rucker. "Succede ogni notte: quando sogni, il tuo cervello diventa più plastico, leggermente più caotico, si formano nuove connessioni".

I pazienti nello studio hanno affermato di essere stati in un sogno a causa della psilocibina, ma erano ancora svegli. La maggiore connettività nel cervello sembra avere un effetto più duraturo, ma dura per diverse settimane e rende il cervello più ricettivo alla terapia. "Quando il cervello è in uno stato più flessibile, si apre quella che consideriamo un'opportunità terapeutica", ha detto Rucker.

David Nutt, un professore di neuropsicofarmacologia all'Imperial College di Londra che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato che il rapido effetto della psilocibina suggerisce che interrompe i cicli negativi nei pazienti, agendo efficacemente come un "ripristino" per il cervello.

Nonostante gli ovvi benefici, molti pazienti hanno riportato effetti collaterali nello studio, i più comuni dei quali erano mal di testa, nausea, vertigini e affaticamento. Una persona ha avuto un brutto viaggio e gli è stato somministrato un sedativo per ridurre l'ansia. Come è comune nella depressione resistente al trattamento, un certo numero di pazienti in vari rami dello studio hanno riportato autolesionismo e ideazione suicidaria.

Comportamento suicida è stato osservato in tre pazienti che non hanno risposto alla dose di 25 mg di psilocibina almeno un mese dopo l'assunzione del farmaco. Secondo Nutt, questi casi erano probabilmente eventi casuali e non correlati alla dose di psilocibina. Uno studio di fase 3 più ampio che esaminerà gli effetti di due dosi di psilocibina dovrebbe iniziare entro la fine dell'anno.

Fonte: theguardian.com (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento