Casa la Cannabis Le grandi aziende produttrici di cannabis stanno ottenendo enormi richieste di errori di etichettatura

Le grandi aziende produttrici di cannabis stanno ottenendo enormi richieste di errori di etichettatura

porta Ties Inc.

2020-06-19-Le principali aziende di cannabis ricevono mega richieste per presunta etichettatura errata

Alcune importanti compagnie di cannabis in Canada si trovano ad affrontare una causa di azione collettiva per accuse che la potenza dei loro prodotti è drasticamente diversa da quella pubblicizzata.

Il reclamo presentato martedì a Calgary accusa le aziende di non etichettare correttamente i loro prodotti e rivendica negligenza. I pubblici ministeri chiedono una condanna di $ 500 milioni insieme a $ 5 milioni di danni per ogni vittima.
Le società menzionate nella dichiarazione, tra cui Tilray, Cronos e Aurora Cannabis, nonché alcuni altri attori e filiali nel settore della cannabis, non hanno ancora commentato Global News in merito alle accuse.

Duped

Secondo l'affermazione, Lisa Marie Langevin ha acquistato un prodotto di olio di cannabis Tilray a Calgary a febbraio, ma non ha sentito gli effetti desiderati dopo averlo provato più volte. Shaun Mesher, un collega dell'amico dell'attore con un dottorato in biochimica, ha inviato il prodotto a un laboratorio di analisi della potenza.
I test hanno mostrato che l'olio di cannabis aveva solo il 46 percento del contenuto pubblicizzato di tetraidrocannabinolo (THC), afferma l'affermazione, sebbene un secondo campione di prodotto dello stesso lotto fosse del 79 percento. Mesher ha quindi inviato al laboratorio altri campioni di prodotti a base di cannabis prodotti da varie aziende.

Etichettatura errata

Ha affermato di avere sei campioni che contenevano livelli di THC molto diversi da quelli indicati sulla confezione. Due erano più forti di quanto pubblicizzato, sebbene il resto fosse più debole. Il contenuto di THC variava dal 54% al 119% del valore dell'etichetta. Un prodotto testato aveva un contenuto di cannabidiolo (CBD) che era circa la metà (52%) di quanto pubblicizzato, afferma l'affermazione. Nessuno dei prodotti in questione è stato oggetto di richiami da Health Canada, secondo la dichiarazione.

"Due terzi dei nostri campioni non rientrano in ciò che Health Canada raccomanda come limite di variabilità nel contenuto di THC o CBD in quelle bottiglie", ha detto Mesher. L'affermazione afferma che ci sono alcune ricerche statunitensi che dimostrano che il THC può filtrare in contenitori di plastica e questo potrebbe essere un fattore nella discrepanza di potenza in Canada. L'olio di cannabis può essere consumato direttamente o aggiunto a prodotti commestibili. In forma commestibile, la cannabis impiega più tempo per avere effetto: secondo Health Canada, possono essere necessarie fino a quattro ore prima che si senta il pieno impatto. Consumare troppo può portare ad avvelenamento da cannabis, che è "spiacevole e potenzialmente pericoloso", secondo il sito Web di Health Canada, ma generalmente non noto per essere mortale.

Azione legale di classe

L'avvocato John Kingman Phillips, che rappresenta l'attore, ha affermato che esiste un pericolo se un prodotto contiene più o meno ingrediente psicoattivo di quanto suggerisce l'etichetta. In entrambi i casi, un cliente può abusarne poiché consuma quantità aggiuntive se inizialmente non sente alcun effetto. "Non ottieni quello per cui hai pagato se non ti dà gli effetti psicologici che stai cercando." Per procedere come azione collettiva, la causa deve essere certificata da un giudice presso la Court of Queen's Bench in Alberta.

“Ora che la marijuana e la cannabis (sono) state legalizzate, la domanda è: i prodotti vengono commercializzati correttamente e in sicurezza? L'affermazione che abbiamo fatto solleva domande al riguardo, e penso che domande sulla misura in cui Health Canada è stata attivamente coinvolta nella regolamentazione del settore.

globalnews.ca (Fonte, EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento