Casa Legislazione e legalizzazione Le norme aggiornate in Islanda pongono la canapa industriale sotto la giurisdizione della droga

Le norme aggiornate in Islanda pongono la canapa industriale sotto la giurisdizione della droga

porta drugsinc

Le norme aggiornate in Islanda pongono la canapa industriale sotto la giurisdizione della droga

Il ministero della Salute islandese ha annunciato modifiche alla legislazione sui narcotici del paese, che conferisce all'Agenzia islandese per i medicinali (IMA) del governo il diritto di importare semi di canapa industriale per l'agricoltura.

Secondo le regole recentemente annunciate dal ministro della Salute Svandís Svavarsdóttir, i semi importati non possono produrre piante di canapa con più dello 0,2% di THC.

Svavarsdóttir ha affermato che il cambiamento normativo è una misura temporanea poiché si stanno elaborando regole permanenti in risposta al crescente interesse per la coltivazione industriale della canapa in Islanda.

Confusione

Si spera che le modifiche temporanee chiariscano le questioni legali che hanno messo nei guai alcuni agricoltori islandesi. Una piccola fattoria di canapa nell'Islanda orientale è stata interrogata dalle autorità antidroga alla fine dell'anno scorso, nonostante rispettasse le attività agricole. I proprietari Pálmi Einarsson e Oddný Anna Björnsdóttir hanno importato e piantato semi di canapa nella loro fattoria a Gautavík la scorsa primavera, dopo aver ottenuto l'approvazione dell'Autorità alimentare e veterinaria islandese.

Basso livello di THC

Tuttavia, l'IMA ha inviato la polizia alla fattoria della coppia, dove hanno confiscato le piante che sono state successivamente analizzate e trovate contenere solo tracce di THC - al di sotto del limite fissato dal governo dello 0,2%. Nessun caso è stato avviato contro la coppia.

La barriera dello 0,2% di THC è un limite predominante in Europa secondo le linee guida dell'UE, ma è bassa per gli standard globali. La maggior parte dei paesi del mondo opera con un limite di THC dello 0,3%, mentre alcuni paesi hanno persino aumentato il loro standard a un THC completamente consentito dell'1,0% (ad es. Polonia).

Le fonti includono HempToday (EN), Sunbelt Canapa (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento