Casa la Cannabis La marijuana medica si è rivelata efficace nel ridurre la lombalgia cronica

La marijuana medica si è rivelata efficace nel ridurre la lombalgia cronica

porta Ties Inc.

mal di schiena

I ricercatori israeliani hanno scoperto che la marijuana medica può alleviare significativamente il mal di schiena.
Quattro persone su cinque hanno mal di schiena ad un certo punto della loro vita, il che lo rende uno dei motivi più comuni per cui le persone visitano il proprio medico.

I disturbi possono variare da lievi a molto gravi, con camminare, lavorare, dormire e altre attività praticamente impossibili. Le persone di età superiore ai 30 anni – soprattutto con lavoro fisico – o con malattie come l'artrosi, la scoliosi e una cattiva postura sono ad alto rischio di mal di schiena. I trattamenti sono spesso a lungo termine e comprendono iniezioni di cortisone, terapia fisica e talvolta anche un intervento chirurgico.

Marijuana per il mal di schiena

dott. Il Dott. Robinson e il Dott. Mustafa Yassin del Dipartimento di Ortopedia dell'Hasharon Hospital del Rabin Medical Center di Petah Tikva, e Sivan Ritter dell'Università di Haifa, hanno pubblicato il loro nuovo Studie nel Rambam Maimonides Medical Journal.

Spinta dalla domanda pubblica, la marijuana medica sta crescendo come trattamento ampiamente utilizzato in medicina, soprattutto per alleviare il dolore, nonostante la mancanza di una base scientifica consolidata. Due tipi di trattamenti con marijuana sono stati somministrati a pazienti con lombalgia cronica. Il primo era un trattamento con cannabidiolo. Questo è stato utilizzato per via sublinguale (sotto la lingua) per un periodo di 10 mesi.

Dopo un mese senza trattamento, lo stesso gruppo ha ricevuto fiori di cannabis secchi interi ricchi di Δ9-tetraidrocannabinolo (THC) che sono stati fumati sotto forma di sigarette per 12 mesi. Il numero di partecipanti era piccolo - 24 persone, sette donne e 17 uomini, la cui risonanza magnetica o TC della colonna vertebrale mostrava un'ernia del disco o una stenosi spinale - ma i risultati sono stati convincenti. Le reazioni avverse iniziali più comunemente riportate sono state nausea, mal di gola, sonnolenza, vertigini e affaticamento, tutte transitorie e risolte dopo il raggiungimento della tolleranza alla dose. La maggior parte di questi effetti collaterali è stata osservata in pazienti di sesso femminile.

Uso sublinguale vs fumo

Solo tre pazienti hanno interrotto il trattamento con CBD, ma hanno ripreso a fumare fiori di cannabis ricchi di THC. Dopo un minimo di due anni, il trattamento sublinguale con CBD non è stato significativo nel ridurre il dolore, ma fumare fiori di cannabis ha dato risultati impressionanti.

Attualmente, ci sono licenze per prescrivere marijuana medica attiva a 110.971 israeliani. Il 56,6% di tali licenze è stato prescritto per il trattamento del dolore neuropatico cronico non canceroso. Uno dei principali ostacoli all'uso legale diffuso della terapia medica basata sui cannabinoidi è la mancanza di dati sufficienti basati sull'evidenza.

Il trattamento del dolore con estratti di cannabis somministrati per via sublinguale è preferito da molti medici in quanto può essere considerato più facile da ottenere in farmacia e consumare. La somministrazione sublinguale può anche avere il vantaggio di un regime di dosaggio più coerente evitando gli effetti avversi del fumo.

L'esperienza clinica degli autori "indica una relativa mancanza di efficienza dei trattamenti con estratti sublinguali rispetto al fumo". La maggior parte dei pazienti israeliani sembra preferire fumare marijuana per alleviare il dolore. Le licenze del Ministero della Salute concesse ai pazienti includevano solo il 10% per gli estratti sublinguali e il 90% per i fiori di cannabis fumati.

Fonte: jpost.com (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento