Casa la Cannabis È una buona idea mischiare cannabis e farmaci da prescrizione?

È una buona idea mischiare cannabis e farmaci da prescrizione?

porta drugsinc

È una buona idea mischiare cannabis e farmaci da prescrizione?

È risaputo che la cannabis ha molti benefici medicinali, inclusa la gestione del dolore cronico, dell'epilessia, ansia e trattare i sintomi del disturbo da stress post-traumatico. Ma per quanto riguarda l'interazione con i farmaci da prescrizione?

Tuttavia, nel caso dei cannabinoidi, un gruppo di sostanze presenti nella pianta di cannabis, c'è il rischio che la loro combinazione con altri farmaci da prescrizione possa causare interazioni farmacologiche dannose. Ciò suggerisce una nuova ricerca condotta da scienziati della Washington State University (WSU).

I ricercatori hanno esaminato i cannabinoidi e i loro principali metaboliti nel sangue dei consumatori di cannabis e hanno scoperto che interferiscono con due famiglie di enzimi che aiutano a metabolizzare un'ampia varietà di farmaci prescritti per varie condizioni. Di conseguenza, gli effetti positivi dei farmaci possono diminuire o i loro effetti negativi possono aumentare se c'è troppo accumulo nel corpo, causando effetti collaterali non intenzionali come tossicità o sovradosaggio accidentale.

Interazione con farmaci da prescrizione

I risultati hanno esaminato l'interazione tra tre dei cannabinoidi più abbondanti: tetraidrocannabinolo (THC), cannabidiolo (CBD) e cannabinolo (CBN).

Sebbene siano essenziali ulteriori ricerche, i ricercatori hanno suggerito di prestare attenzione quando si utilizza la cannabis con farmaci da prescrizione.

“I medici dovrebbero essere consapevoli del potenziale rischio di tossicità o mancanza di risposta quando i pazienti assumono cannabinoidi. “

Philip Lazarus, autore senior dell'articolo e illustre professore di scienze farmaceutiche alla Boeing, prosegue affermando:

"Una cosa è se sei giovane e in buona salute e occasionalmente fumi cannabis, ma per le persone anziane che assumono farmaci, l'assunzione di CBD o marijuana medica può avere un impatto negativo sul loro trattamento".

Risultati della ricerca sulla cannabis e sui farmaci da prescrizione

I ricercatori hanno utilizzato cellule renali umane ingegnerizzate e hanno confermato i loro risultati in campioni di fegato e reni umani in cui erano presenti enzimi.

Shamema Nasrin, una studentessa laureata presso il WSU College of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences, ha sottolineato che mentre i cannabinoidi rimangono nel corpo del consumatore per circa 30 minuti prima di essere rapidamente scomposti, i metaboliti risultanti da tale processo impiegano fino a 14 giorni. il sistema.

Inoltre, i metaboliti si trovano anche "in concentrazioni più elevate rispetto ai cannabinoidi", spiega ulteriormente, aggiungendo che sono stati "trascurati in studi precedenti".

Le potenziali interazioni farmacologiche negative includono una diminuzione degli effetti positivi dei farmaci, nonché un aumento dei loro effetti negativi, con conseguente accumulo eccessivo nel corpo che potrebbe causare effetti collaterali non intenzionali come tossicità o sovradosaggio accidentale.

"L'assunzione di CBD o marijuana può alleviare il dolore, ma può rendere più tossico l'altro farmaco che stai assumendo e questo aumento della tossicità potrebbe significare che non puoi continuare a prendere quel farmaco. Quindi potrebbero esserci serie implicazioni per i farmaci antitumorali, e questo è solo un esempio dei tanti farmaci che potrebbero essere potenzialmente influenzati dalle interazioni cannabinoidi-enzima che stiamo vedendo".

Fonti tra cui NewsWise (EN), TheFreshToast(EN), Scitech Daily (EN), UPI (EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento