Vai al contenuto principale
Menu
Politica sulle droghe 2.0

Politica sulle droghe 2.0

Serie di messaggi: Colonna - Kaj Hollemans (KHLA)
Diffondi l'amore ✌🏼

Paesi Bassi - dal signor Kaj Hollemans (KH Consulenza legale) (colonne Khla).

Dalle elezioni parlamentari del 17 marzo sono successe molte cose nell'Aia politica. Il risultato stesso è stato una buona notizia per le persone che sostengono una diversa politica sulla droga, poiché i partiti cristiani hanno perso seggi e i partiti progressisti hanno vinto seggi. Ciò ha comportato, tra le altre cose, che il ministro Grapperhaus (CDA) e il segretario di Stato Blokhuis (CU) chiesto che si tratta della decisione di stabilire regolamenti nel campo dell'NPS (divieto di gruppo di sostanze) e del previsto protossido di azotolasciare il divieto a un nuovo gabinetto, dato lo status di custode del gabinetto e i costi di esecuzione. Per entrambe le proposte, è improbabile che i regolamenti modificati vengano introdotti prima del 2022.

La commissione permanente per la giustizia e la sicurezza della Camera dei rappresentanti si riunirà il 14 aprile 2021 privato mettere questa lettera all'ordine del giorno del dibattito in commissione sulla politica in materia di droga del 2 giugno 2021. Durante questo dibattito in commissione Sarà discussa anche la politica della caffetteria e le lettere del 2018, 2019 e 2020, tra gli altri, del ministro Bruins (che è andato in pensione da ministro nel marzo 2020) e del ministro Van Rijn (che è andato in pensione da ministro nel luglio 2020).

Lo stesso giorno, il comitato permanente per VWS della Camera dei rappresentanti privato dichiarare controversa la lettera del Segretario di Stato Blokhuis del 9 marzo 2021 sulla prevenzione della droga. Dichiarare controversi alcuni argomenti impedisce al governo di "decidere sulla sua tomba". Di per sé questa è una buona notizia, perché ora un nuovo governo ha le mani libere per dare sostanza alla stessa politica antidroga, ma l'Aula non è coerente in questo.

Apparentemente la prevenzione della droga è un argomento controverso, ma la repressione non lo è. Trovo estremamente preoccupante che presto si terrà un dibattito sulla politica in materia di droga in seno alla commissione per la giustizia e la sicurezza, invece che alla commissione VWS. Questa è una tendenza che vedo da tempo. Il dibattito sulla politica in materia di droga si sta spostando sempre più dal Ministero della Salute, del Welfare e dello Sport a Giustizia e Sicurezza. Non è un buon sviluppo.

Ci sono diversi motivi per cui un dibattito sulla politica in materia di droga non appartiene al Comitato per la giustizia e la sicurezza. In primo luogo, il ministro della salute, del benessere e dello sport è responsabile della legge sull'oppio, non il ministro della giustizia e della sicurezza. In secondo luogo, i parlamentari del Comitato Giustizia e Sicurezza considerano i problemi che circondano le droghe principalmente da un contesto di diritto penale. Meno attenzione è riservata alla prevenzione e alla protezione della salute pubblica. Questa attenzione unilaterale alla repressione non promette nulla di buono, perché la punizione e il divieto da soli non risolvono il complesso problema della droga. La politica sulle droghe ne richiede uno in più approccio equilibrato. Questo è il motivo per cui sarebbe positivo se da più parti venisse indicato che è giunto il momento di un ripensamento approfondito della politica in materia di droga. Dopo tutto, l'attuale politica non ha portato a una riduzione sostanziale dell'uso di droghe e dei problemi associati.

Commissione di Stato di proposte per la politica olandese in materia di droga

Questo è il momento ideale per informare l'informatore e i vari partiti politici che durante i negoziati su un nuovo accordo di coalizione, si sta valutando la creazione di una commissione statale, che sarà incaricata, sulla base della ricerca scientifica e in consultazione con le organizzazioni coinvolte, gli esperti e gli utenti, a pensare a una nuova politica sulle droghe che ponga meno rischi per la salute pubblica, riduca i costi della lotta alla droga, renda giustizia alla libertà di scelta delle persone e non giochi nella criminalità (organizzata). Questa commissione statale può avanzare proposte per riformare la politica olandese sulla droga. Il punto di partenza è mantenere il più basso possibile i rischi per la salute dei farmaci e garantire al meglio la salute, la sicurezza e il benessere della società nel suo insieme. 

Avvia Better Drug Policy della Beter Beleid Foundation, per una politica antidroga più realistica (fig.)
Avvia Better Drug Policy della Beter Beleid Foundation, per una politica antidroga più realistica (AFB.)

All'inizio del 2020, era già stato fatto un appello in manifesto per una politica in materia di droga realistica. Un'altra iniziativa che richiede questo è il petizione della Beter Beleid Foundation. Soprattutto ora che il D66 ha vinto così tanti seggi, ci si può aspettare che questo partito presenti la proposta di nominare una commissione statale al tavolo dei negoziati, ma è anche importante che altri partiti politici sostengano questa proposta.

I politici potrebbero sfruttare meglio il prossimo periodo per rivedere a fondo la politica sulle droghe e cercare soluzioni ai rischi associati all'uso di droghe e ai problemi associati al commercio di droga (illegale), invece di continuare una guerra insensata alla droga.

Dai una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati * *

Torna in alto

olio di cbd