Casa Legislazione e legalizzazione Sviluppi internazionali su CBD e cannabis

Sviluppi internazionali su CBD e cannabis

porta drugsinc

2018-12-18-Sviluppi internazionali su CBD e cannabis

Di: sig. Kaj Hollemans, KH Consulenza legale

Quando si tratta di politica internazionale sulle droghe, alcune organizzazioni sono molto importanti. Tutte queste organizzazioni fanno parte delle Nazioni Unite (ONU).

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Questa agenzia delle Nazioni Unite è stata fondata in 1948 e mira a migliorare la salute della popolazione mondiale. L'OMS ha vari comitati di esperti, incluso il Comitato di esperti sulla dipendenza dalle droghe (ECDD). L'ECDD è formato da un gruppo indipendente di esperti nel campo della droga e dei farmaci. L'ECDD può eseguire varie valutazioni; una valutazione preliminare e una valutazione critica. Sulla base di queste valutazioni, l'ECDD può formulare raccomandazioni attraverso l'OMS sulla classificazione dei farmaci all'interno dei trattati internazionali sulle droghe.

La Commissione sugli stupefacenti (CND). La CND è stata fondata in 1946 per aiutare le Nazioni Unite a monitorare l'applicazione dei trattati internazionali sulla droga, come la Convenzione Unica sugli stupefacenti di 1961. Il Trattato unico, insieme alla Convenzione sulle sostanze psicotrope di 1971, costituisce la base della legge olandese sull'oppio. La Commissione sugli stupefacenti (CND) è l'organo di governo dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC). L'UNODC è stato istituito per assistere l'ONU nella lotta contro la droga, la criminalità, il terrorismo internazionale e la corruzione. Lo fanno attraverso la ricerca e la consulenza e la stesura e l'applicazione di vari trattati e protocolli.

L'International Narcotics Control Board (INCB). L'INCB è l'organo di controllo indipendente e quasi giudiziario responsabile dell'attuazione dei trattati internazionali sulle droghe. L'INCB svolge principalmente un ruolo importante nel monitoraggio dell'applicazione di questi trattati.

Perché è così importante?

Perché è così importante ora, potresti chiedere. Ebbene, al momento la cannabis è nella Lista I e nella Lista IV della Convenzione Unica. L'elenco I contiene sostanze che hanno proprietà che creano dipendenza, con un serio rischio di abuso. L'elenco IV contiene le sostanze più pericolose, già presenti nell'elenco I, che sono particolarmente nocive e hanno un valore medico o terapeutico estremamente limitato. La lista IV è quindi la categoria più pesante. La cannabis, ad esempio, rientra quindi nella stessa categoria dell'eroina. C'è molto da dire su questo, soprattutto visti tutti i recenti sviluppi riguardanti la cannabis (medicinale).

A giugno 2018 è stato il comitato di esperti dell'OMS (ECDD) per 40e riunirsi in una sessione speciale per valutare gli effetti nocivi sulla salute pubblica e il valore terapeutico della cannabis e delle sostanze correlate alla cannabis.

Che ci crediate o no, ma è stato questo la prima volta che la cannabis ECDD e le sostanze legate alla cannabis ha valutato di (ri) considerare l'idoneità dell'attuale classificazione all'interno dei trattati internazionali sulle droghe di 1961 e 1971. Ovviamente è completamente bizzarro, ma è meglio tardi che non del tutto.

rivalutare

L'ECDD ha condotto valutazioni preliminari sulla cannabis e sulle sostanze correlate e ha stabilito che sono disponibili nuove informazioni scientifiche sufficienti sui danni alla salute e sul valore terapeutico per rivalutare e rivedere criticamente le seguenti sostanze:

  • Cannabis (erba) e resina di cannabis (hash)
  • Estratti e tinture di cannabis (oli, alimenti, liquidi)
  • Delta-9-tetraidrocannabinolo (THC)
  • Isomeri di THC

Nel giugno 2018, l'ECDD ha anche condotto una valutazione critica dei preparati considerati cannabidiolo puro (CBD). Sulla base di questa valutazione critica, l'ECDD ha raccomandato che i preparati considerati cannabidiolo puro (CBD) niet essere posto sotto il controllo internazionale della droga, perché il CBD non ha proprietà psicoattive e non offre possibilità di abuso o dipendenza.

A luglio 23, il direttore generale dell'OMS ha inviato una lettera al Segretario generale delle Nazioni Unite. Lo scopo di questa lettera era di informarlo dell'esito della riunione ECDD di giugno 2018, che era dedicata alla valutazione scientifica della cannabis e dei prodotti correlati.

Nella sua lettera scrive il direttore generale da WHO su CBD:

 Sono lieto di presentare le raccomandazioni dell'ECDD come segue:

cannabidiolo (CBD)
Il Comitato ha raccomandato che i preparativi da prendere in considerazione per la CBD pura non dovrebbero essere programmati nell'ambito delle convenzioni internazionali sul controllo della droga.

Durante l'41e Incontro ECDD a novembre 2018 ha quindi tenuto discussioni critiche sulla cannabis e le sostanze correlate, incluso il THC.

sviluppi

L'MP Kathalijne Buitenweg (GroenLinks) ha lì domande parlamentari abbastanza recenti a riguardo. Alla fine di novembre queste domande hanno ricevuto risposta dal Ministro delle cure mediche e dello sport.

Le raccomandazioni di ECDD su cannabis, resina di cannabis e sostanze correlate, incluso il THC, purtroppo non sono ancora pubbliche. Ciò che è fondamentale è la valutazione della cannabis e della cannabis da parte dell'ECDD gepubliceerd.

De prossimo incontro della Commissione sugli stupefacenti (CND) si svolgerà a marzo 2019 e che promette di essere un incontro entusiasmante, perché poi verranno discusse le raccomandazioni dell'ECDD e sarà chiaro se le raccomandazioni della CND sulla CBD e sulla cannabis la resina di cannabis e le sostanze correlate, incluso il THC, subentreranno o saranno respinte.

Vi informeremo non appena ci saranno sviluppi riguardo alle raccomandazioni di ECDD su cannabis, resina di cannabis e sostanze correlate, incluso il THC, o sulla classificazione della cannabis secondo i trattati internazionali sulle droghe.

Nel frattempo, se hai domande su questa colonna, puoi rivolgerti a KH Consulenza legale.

 

 

Articoli correlati

Lascia un Commento