Casa farmaci L'ibogaina, sostanza psichedelica, è stata testata per il potenziale come trattamento della dipendenza

L'ibogaina, sostanza psichedelica, è stata testata per il potenziale come trattamento della dipendenza

porta drugsinc

L'ibogaina, sostanza psichedelica, è stata testata per il potenziale come trattamento della dipendenza

Stati Uniti d'America – Mai sentito parlare della sostanza psichedelica Ibogaine? Si stima che circa 100.000 persone muoiano ogni anno per overdose di droga negli Stati Uniti. La maggior parte di questi decessi è correlata all'uso sia di prescrizione che di fentanil illegale, un potente oppioide usato come antidolorifico. L'epidemia mortale di oppioidi in Nord America ha lasciato ricercatori e legislatori alla ricerca urgente di soluzioni - e forse da una fonte improbabile...

ibogaina è una sostanza psichedelica derivata dall'arbusto iboga, originario dell'Africa occidentale. L'arbusto è stato tradizionalmente usato come aiuto rituale dai membri della religione Bwiti nel paese africano del Gabon. Tuttavia, un numero crescente di prove, sia aneddotiche che sempre più cliniche, suggerisce che il composto potrebbe essere utile nella lotta alla tossicodipendenza, tra cui l'eroina e altri oppioidi.

La startup Delix Therapeutics con sede nel Massachusetts è in missione per trasformare gli analoghi non psichedelici di potenti allucinogeni in farmaci in grado di trattare una serie di condizioni psichiatriche e neurologiche. La società collaborerà con il National Institute of Drug Abuse (NIDA) per testare la sua versione proprietaria dell'ibogaina per il suo potenziale nel trattamento di una serie di disturbi da uso di sostanze.

Il co-fondatore di Delix e chief innovation officer David E. Olson PhD ha dichiarato in una dichiarazione:

“I risultati preclinici pubblicati l'anno scorso su Nature hanno mostrato che DLX-7 (uno dei nuovi composti brevettati dell'azienda) riduce il comportamento di ricerca di alcol ed eroina. Siamo entusiasti di collaborare con NIDA per valutare ulteriormente il suo potenziale come nuovo trattamento per la dipendenza con una varietà di sostanze e modelli”.

Mentre l'ibogaina ha dimostrato di essere una sostanza chimica potenzialmente utile per il trattamento di una varietà di malattie mentali, ha effetti collaterali come causare aritmie cardiache (un battito cardiaco irregolare) e un'esperienza psichedelica spesso intensa.

Ecco perché Olson, professore all'Università della California a Davis, ha modificato la molecola di ibogaina. Questo analogo modificato, Delix-7, non è psichedelico e non provoca aritmie.

Poiché l'interesse per il potenziale terapeutico e medico degli psichedelici in generale continua a crescere, un laboratorio incaricato dal programma Addiction Treatment Discovery di Nida condurrà studi preclinici per determinare le proprietà farmacologiche, farmacocinetiche e tossicologiche del composto di Delix.

Se gli studi preclinici e sugli animali mostrano risultati favorevoli, secondo quanto riferito Delix presenterà una domanda alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per iniziare gli studi clinici sull'uomo.

Il processo è l'ultimo di una serie di studi volti a valutare l'efficacia terapeutica delle sostanze psichedeliche per il trattamento di varie malattie mentali, tra cui depressie, ansia e dipendenza.

Fonti tra cui Canex (EN), Delix Therapeutics (EN), Forbes (EN), PhoenixNewTimes(EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento