Casa la Cannabis Un terzo delle donne in gravidanza pensa che la cannabis non danneggi il loro bambino: UBC

Un terzo delle donne in gravidanza pensa che la cannabis non danneggi il loro bambino: UBC

porta drugsinc

Un terzo delle donne in gravidanza pensa che la cannabis non danneggi il loro bambino: UBC

La revisione di sei studi americani ha rilevato che i medici non hanno comunicato i rischi per la salute del consumo di cannabis.

Un terzo delle donne in gravidanza non crede che la cannabis possa nuocere al loro bambino, nonostante gli studi che mostrano un rischio maggiore di anemia, basso peso alla nascita e persino parto prematuro.

I risultati provengono da una recensione pubblicata dai ricercatori dell'Università di BC nell'edizione di febbraio di Medicina preventiva.

I ricercatori hanno esaminato sei studi americani e hanno scoperto che alcune donne pensavano che poiché i medici non parlano immediatamente dei rischi dell'uso di cannabis durante la gravidanza, non c'è pericolo nell'usarla.

La valutazione è stata fatta perché sempre più giurisdizioni hanno legalizzato l'uso di cannabis, incluso il Canada e diversi stati come l'Oregon, il Colorado e Washington, con il Messico che ha legalizzato anche nei prossimi mesi.

"La nostra ricerca suggerisce che negli ultimi dieci anni più donne sembrano usare cannabis durante la gravidanza che mai, sebbene le prove della sua sicurezza siano limitate e contrastanti", ha detto l'autore principale Hamideh Bayrampour, assistente professore nella divisione UBC di pratica familiare. e ricercatore associato presso il BC Children's Hospital Research Institute.

"È sempre più importante che i funzionari della sanità pubblica comprendano la percezione del consumo di cannabis e aumentino la consapevolezza dei problemi di salute che circondano il suo utilizzo, soprattutto per le donne incinte".

In uno studio, il 70% delle donne che facevano uso di cannabis pensava che non ci fosse pericolo di usare cannabis durante la gravidanza.

Quando è stato chiesto alle donne quali sostanze avrebbero maggiormente danneggiato il bambino, il 70 per cento ha scelto l'alcol e il 16 per cento ha scelto il tabacco, mentre solo il due per cento ha scelto l'erba.

Uno studio condotto su donne incinte 306 ha scoperto che un terzo di loro ha continuato a usare la cannabis dopo aver scoperto di essere incinta, spesso per curare la nausea.

L'uso di cannabis è diminuito durante la gravidanza, il 7,4 per cento delle donne l'ha usato nel primo trimestre, ma solo il 1,8 per cento l'ha usato nell'ultimo trimestre.

"Uno dei nostri risultati ha mostrato che alcune persone non pensano alla cannabis come una medicina", ha detto Bayrampour.

"Con questo in mente, è particolarmente importante per gli operatori sanitari porre domande specifiche sull'uso di cannabis durante la gravidanza e l'allattamento al seno al fine di avviare una conversazione produttiva sui suoi potenziali effetti sulla salute e assistere le donne nella loro decisione di ridurre e ridurre l'uso fermare."

Fonte tra cui https://www.columbiavalleypioneer.com/news/one-third-of-pregnant-women-think-cannabis-wont-harm-their-baby-ubc/

 

Articoli correlati

Lascia un Commento