Casa CBD Usa i commestibili meglio del fumo di cannabis durante la pandemia

Usa i commestibili meglio del fumo di cannabis durante la pandemia

porta Ties Inc.

2020-03-20-Utilizzare i cibi commestibili meglio che fumare cannabis durante la pandemia

COVID-19 è diventata una preoccupazione globale. Vogliamo tutti sapere cosa fare per rimanere sani e salvi. Anche se per molti non c'è scampo. Misure significative sono state prese in molti paesi, sebbene anche queste differiscano da paese a paese. Sappiamo che dobbiamo essere ad almeno un metro e mezzo di distanza, lavorare da casa ove possibile ed evitare di socializzare. Ci sono persino paesi bloccati. Ma per quanto riguarda il fumo di cannabis? Devi inventare qualcosa per superare il "blocco".

Leafly ha parlato con diversi medici per vedere se fumare cannabis è così intelligente durante questa pandemia. Soprattutto ora che tutti corrono verso la caffetteria per fare scorta dei propri prodotti.

Cosa può nuocere al fumo durante la crisi della corona?

dott. Steffanie Strathdee è un'epidemiologa di malattie infettive che ha trascorso la sua carriera a ridurre i danni nelle persone con tossicodipendenza. Sebbene non affermi di essere un'esperta di cannabis o di medicina polmonare, attualmente crede che il fumo non sia consigliabile. Se vuoi usare la cannabis a scopo ricreativo o medicinale, faresti bene a prendere commestibili, tinture o altri prodotti per irritare i tuoi polmoni il meno possibile.

“Attualmente stiamo affrontando una pandemia in cui SARS-CoV-2 attacca le cellule polmonari, preferibilmente nel tratto respiratorio inferiore. A mio parere, prevenire è meglio che curare, quindi consiglierei a chiunque usi la marijuana di passare agli edibili, specialmente se hanno problemi di salute sottostanti come problemi respiratori (asma, BPCO), problemi cardiaci (ipertensione, diabete) o deficienze immunitarie ", ha detto. . Quindi non è intelligente danneggiare ulteriormente i polmoni mentre circola un grave virus respiratorio.

Proteggi le ciglia dei tuoi polmoni

“Per ulteriori informazioni, abbiamo il dott. Laura Crotty Alexander, una pneumologo in terapia intensiva che studia le sigarette elettroniche da più di sette anni", ha detto Leafly. Utilizzando la ricerca di base, traslazionale e clinica, il Dr. Crotty Alexander per studiare gli effetti dei prodotti a base di cannabis sulla funzione polmonare e immunitaria, poiché un gran numero di persone che usano vaporizzatori di nicotina fumano o vaporizzano anche THC o CBD.

Alla domanda sulle ciglia e sugli effetti che il fumo di cannabis può avere sulla loro funzione, il Dr. Crotty Alexander: "È stato dimostrato che fumare marijuana danneggia l'epitelio delle vie aeree, aumenta la produzione di muco e causa la perdita di ciglia sulle cellule epiteliali". Ha continuato: "Se le ciglia sono assenti o non funzionali, il muco si raccoglierà nelle vie aeree, consentendo a SARS-CoV-2 di entrare in contatto e infettare le cellule epiteliali polmonari".

Cannabis e tabacco

Alla domanda se il fumo di cannabis influenzi le ciglia nella stessa misura del fumo di tabacco, il Dr. Crotty Alexander che semplicemente non ci sono abbastanza dati convincenti a questo punto per saperlo. Tuttavia, ha notato che la suscettibilità al patogeno virale SARS-CoV-2 potrebbe aumentare con qualsiasi carico aggiuntivo sul sistema polmonare.

"Poiché si tratta di un nuovo patogeno, stiamo lavorando con pochissimi dati concreti, ma è opinione diffusa che l'inalazione di fumo sia generalmente un fattore di rischio per un'infezione da COVID-19 più grave", ha detto. "È stato scoperto che il fumo di marijuana è collegato a un aumento della tosse, della produzione di espettorato, della mancanza di respiro e del respiro sibilante, che sono solo segni fondamentali che le vie respiratorie ei polmoni si irritano dall'inalazione del fumo di marijuana, portando ad un aumento della produzione di muco e della tosse".

Dai una pausa ai tuoi polmoni

Alla domanda se anche i consumatori di cannabis dovrebbero evitare di svapare, il Dr. Crotty Alexander: “Ha senso per tutti noi cercare di mantenere i nostri polmoni il più sani possibile in previsione di essere infettati da SARS-CoV-2 e potenzialmente in via di sviluppo COVID-19. Le persone ad alto rischio - quelle sopra i 60 anni e quelle con malattie polmonari, diabete o malattie cardiache sottostanti - devono prestare molta attenzione alla loro salute e ai loro polmoni".

Tuttavia, anche i giovani dovrebbero stare attenti. Le persone sane sotto i 30 anni hanno appena sperimentato un'epidemia meglio nota come EVALI. Una condizione polmonare nota come malattia da svapo. Indipendentemente dall'età o dalle condizioni di base, tutti dovrebbero considerare di dare una pausa ai polmoni. "L'inalazione di polveri sottili - sia che si tratti di sigarette, marijuana, carbone, fornelli o inquinamento - ha sempre provocato una diminuzione della funzione polmonare e una maggiore suscettibilità alle infezioni polmonari".

Questi sono tempi senza precedenti e mentre stiamo cambiando molte delle nostre abitudini per controllare la diffusione di questo virus, può essere utile smettere anche di fumare. Con numerosi prodotti alternativi, come edibili, tinture, cerotti e prodotti topici disponibili oggi, la cannabis può ancora far parte della tua vita in un modo che non causa irritazione inutile ai polmoni.

Lees più op Leafly.com (Fonte, EN)

Articoli correlati

Lascia un Commento